La commissione Esteri della Camera ha dato il via libera al testo base per l’istituzione di una commissione d’inchiesta sul rapimento e l’uccisione di Giulio Regeni. “È un giorno importante, un altro passo verso la ricerca della verità“, esulta il deputato di Sinistra Italiana Erasmo Palazzotto, primo firmatario della proposta di legge. Il parlamentare denuncia però “l’ostruzionismo di una parte della maggioranza che ha tentato di bloccare l’iter”. A votare a favore del testo, oltre al M5s, al Pd e a LeU anche la Lega che però – secondo quanto riferisce l’Ansa – dovrebbe presentare emendamenti.

“Il Parlamento ha oggi una grande opportunità, quella di contribuire a ricostruire la verità storica e politica su Giulio Regeni e sulla condizione dei diritti umani in un paese come l’Egitto che continua ad essere un nostro partner strategico nonostante quello che sta accadendo in quel paese”, afferma ancora Palazzotto. Ora il provvedimento è atteso in Aula a Montecitorio per l’inizio di maggio. Fonti pentastellate riferiscono all’Ansa che il M5s ha voluto puntare con decisione su questo testo che è formulato sulla falsariga di quello presentato la scorsa legislatura.

Il ricercatore friulano fu trovato morto e con evidenti segni di tortura il 4 febbraio 2016 nella periferia della capitale egiziana. Ad aprile 2016 il governo italiano aveva provveduto al ritiro dell’ambasciatore, in attesa di chiarimenti sul caso, ma la decisione era stata poi rivista il 14 agosto 2017. Nel frattempo la richiesta di una verità da parte della famiglia di Regeni e il lavoro della Procura di Roma non si sono mai interrotti. Con i pm che hanno dovuto affrontare le resistenze della controparte egiziana e i continui depistaggi per complicare la ricostruzione di quanto successo al ricercatore italiano tra il 25 gennaio e il 4 febbraio del 2016 al Cairo. Dopo l’ennesima spedizione a vuoto dei magistrati italiani, il 29 novembre scorso il presidente della Camera, Roberto Fico, aveva scelto in autonomia di rompere le relazioni diplomatiche con il Parlamento egiziano. Lo stesso Fico che pochi giorni fa si è espresso chiaramente a favore dell’istituzione di una commissione d’inchiesta: “Mi auguro che la Camera dei deputati la approvi“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europee, Pizzarotti capolista in alleanza con +Europa: “Non abbandono Parma”. Ma le opposizioni: “Tradisce il mandato”

prev
Articolo Successivo

De Magistris annuncia: “DemA correrà alle prossime regionali. Probabile la mia candidatura”

next