L’uccello più pericoloso del mondo, il casuario, ha ucciso un uomo, Marvin Hajos, in Florida, negli Stati Uniti. L’animale è un grande uccello dall’indole molto aggressiva originario dell’Australia e della Nuova Guinea: appartiene alla famiglia delle Casuariidae, la stessa degli struzzi, e arriva a pesare 45 chilogrammi. Pur essendo incapace di volare, corre a una velocità che raggiunge i 50 chilometri orari e possiede speroni sulle zampe come quelli che furono degli estinti velociraptor.

L’uomo sarebbe stato attaccato dall’animale nella sua fattoria dove allevava appunto casuari, popolari tra i collezionisti di uccelli esotici, come hanno riferito autorità della Contea di Alachua al giornale “Gainesville Sun“. Hajos è stato subito soccorso e portato in ospedale dove è poi deceduto. Il casuario, imparentato con l’emù australiano, è il secondo uccello più pesante del mondo dopo lo struzzo. Secondo il sito web dello zoo di San Diego il casuario è “giustamente considerato l’uccello più pericoloso del mondo” e può vantare un artiglio “simile a un pugnale”, lungo “fino a 4 pollici”, ovvero poco più di 10 centimetri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jason Bonham: “Fu Jimmy Page a offrirmi per la prima volta cocaina. Avevo 16 anni”

prev
Articolo Successivo

Due gemelle nascono a tre mesi di distanza l’una dall’altra: “Un caso rarissimo”

next