Tra San Pietro, Borgo e piazza Risorgimento le cosiddette “postazioni compatibili” passano da 23 a 7. Nell’area che comprende la stazione Termini, piazza della Repubblica, Castro Pretorio, Esquilino e San Giovanni scendono invece da 144 a 65. Il piano di riordino del Tavolo del decoro del Comune di Roma taglia del 50% il numero dei posti riservati ai venditori ambulanti. L’obiettivo: “Contrastare, nelle aree pubbliche aventi particolare valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico, l’esercizio di attività commerciali e artigianali in forma ambulante o su posteggio”. La decisione arriva a pochi giorni dalla presentazione in Regione di una norma firmata da M5s e Forza Italia che nella categoria “locali storici, botteghe d’arte e attività tradizionali” fa rientrare anche “le attività di commercio su area pubblica”.

I risultati del lavoro svolto dal Tavolo, cui partecipano la Soprintendenza Speciale di Roma, la Sovrintendenza capitolina, il Dipartimento Attività Produttive di Roma Capitale e la Polizia Locale, sono stati presentati insieme alla Regione Lazio alle associazioni di categoria. Gli stessi, saranno alla base del protocollo d’intesa tra il Campidoglio, la Pisanae il ministero per i Beni e le Attività Culturali. Le zone ad alto tasso di ambulanti sono state suddivise in 7 ambiti territoriali, e poi individuate due categorie: le aree rosse, dove vige un vincolo monumentale dichiarato e tassativo, e le aree rosa, dove ci sono invece vincoli storico artistici, con zone di rispetto oppure con condizioni d’uso particolari, a esempio per ragioni di sicurezza o di altro genere.

Il 25 marzo, la sindaca Virginia Raggi aveva esultato via social per la sentenza della Cassazione che ha bocciato il ricorso di Alfiero Tredicine, decano della famiglia sinti – fra l’altro coinvolto nella maxi-inchiesta della Procura sulle mazzette nelle licenze a rotazione – presentato contro il provvedimento della giunta Marino che dava il là allo spostamento degli ambulanti dalle aree di pregio. Ora, in virtù della decisione del Tavolo del decoro, attorno a piazza San Pietro, tra Borgo, via della Conciliazione, Borgo Sant’Angelo e piazza Risorgimento le postazioni autorizzate scendono da 23 a 7. Nell’area Termini – Repubblica – Castro Pretorio – Esquilino – San Giovanni passano da 144 a 65. Nel settore Gianicolo – Villa Borghese – Pincio da 17 a 7. Nella zona Testaccio – Trastevere da 53 a 26 mentre nell’area Caracalla – Cave Ardeatine – Ostiense – Appia Antica si scende da 44 a 35.

“Ripuliamo Roma – esulta l’assessore al commercio Carlo Cafarotti – Abbiamo più che dimezzato tutte le postazioni esistenti, togliendo quelle dichiarate incompatibili con il decoro, tra ambulanti, camion bar, postazioni anomale, rotazioni, stagionali e fiorai. Da adesso inizia la partita vera: in tempi brevi, i Municipi dovranno spostare altrove tutte le postazioni irregolari. Come promesso, tutte le zone di pregio torneranno a brillare: da Fontana di Trevi a Piazza San Giovanni in Laterano, passando per via della Conciliazione, ad esempio, non ci sarà più nessuno. Tutto questo lavoro si è reso necessario perché in passato gli amministratori hanno rilasciato titoli autorizzativi a pioggia, senza pietà per i monumenti più visitati del mondo”.

“Ora esiste – commenta Francesco Prosperetti, Soprintendente Speciale di Roma – uno strumento per affrontare la situazione, e con questo è augurabile che finiscano gli alibi e i rinvii, perché è un compito, anzi un dovere rendere più vivibile la nostra città. Senza dimenticarci che il vero decoro si ottiene attraverso l’amore di tutti i gli abitanti per la loro città, e trasmettendolo anche a chi arriva per un soggiorno turistico, per una partita di pallone, per lavoro”.

“Come Regione e in attuazione di chiare indicazioni normative continueremo a dare supporto a questo processo – il commento di Gian Paolo Manzella, assessore Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato della Regione Lazio – una collaborazione istituzionale che ritengo essenziale per affrontare una tematica con risvolti cruciali per il nostro territorio, per le attività economiche, la qualità della vita, l’immagine della Capitale e per le prospettive del turismo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Napoli, parcheggia Ferrari sul posto per disabili. Alla denuncia risponde così: “Ti faccio il culo”. E vìola il codice della strada

next
Articolo Successivo

Minerbe (Vr), tonno e cracker a bambina perché genitori non in regola con mensa. Il giocatore Candreva si offre di pagare

next