Un’associazione a delinquere che gestiva i permessi per i venditori ambulanti. Una nuova bufera giudiziaria si abbatte su Roma, lambendo anche gli uffici del Campidoglio. Su disposizione della Procura la Guardia di Finanza e la Polizia locale ha effettuato perquisizioni presso le abitazioni di alcune persone sospettate di far parte della presunta organizzazione. Sono 16 le persone indagate nell’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e affidato al pm Antonio Clemente. I reati contestati vanno, a seconda delle posizioni, dall’induzione indebita a dare o promettere utilità al falso e all’estorsione.

Tra i 16 indagati ci sono anche il responsabile dell’Ufficio Rotazione dipartimento VIII del Comune di Roma, un addetto dello stesso ufficio, il presidente della Federazione italiana venditori ambulanti e giornalai della Cisl (Fivag Gsl) Vittorio Baglioni, l’esponente della Federazione italiana venditori ambulanti e giornalai Dino Tredicine e il presidente dell’Unione provinciale venditori al dettaglio Upvad, Mario Tredicine.

Gli uomini delle forze dell’ordine si sono recati anche presso le abitazioni di due funzionari comunali e gli uffici del Dipartimento VIII delle Attività produttive del Comune per richiedere l’esibizione di alcuni documenti. Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati documenti e oltre 250mila euro in contanti di cui 12mila nei confronti di un dipendente del Campidoglio e altre somme ad un esponente di una associazione di categoria che aveva occultato il denaro oltre che in una cassetta di sicurezza anche in un pianoforte, nella cappa di una cucina e nella sella di una cyclette.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, aggredito a calci e colpi di mazza in pieno centro all’ora dell’aperitivo. Il video che inchioda quattro giovani

next
Articolo Successivo

Napoli, colonia di blatte nel bagno dell’ospedale Vecchio Pellegrini: “Per il direttore sanitario si tratta di sabotaggio”

next