di Nathan Bonnì, attivista trans non medicalizzato, autore del blog Progetto Genderqueer 2.0

Ciò che accomuna tutte le persone transgender è un’identità di genere differente da quella in genere attesa in relazione al loro sesso biologico. Tuttavia, esistono svariati modi di vivere questa condizione e raggiungere la propria immagine di sé che prevedono o meno il ricorrere alla medicalizzazione del proprio corpo tramite una terapia ormonale sostitutiva e/o interventi chirurgici. Se il percorso transgender canonico, che consente il cambio di nome e genere secondo la legge 164 dell’82, è maggiormente presente nell’immaginario collettivo grazie ai media e all’attivismo, il percorso “non medicalizzato” è ancora poco noto, poco rappresentato e riguarda tante persone che sono costrette ad affrontare la vita quotidiana, dal mondo del lavoro alle questioni sanitarie, prive di un riconoscimento legale della propria identità di genere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ddl Pillon, al via la discussione. Presidio davanti a Montecitorio, Boldrini: “Testo non emendabile, non facciano i furbi”

next