Il leader dei Rolling Sones Mick Jagger è stato è stato sottoposto giovedì in una clinica di New York ad un delicato intervento chirurgico per la sostituzione di una valvola cardiaca: l‘operazione è andata bene e il cantante “riposa ed è in ripresa”, come ha assicurato lo staff medico che ha eseguito il suo caso. Mick Jagger dovrà ora riposare per 4-5 giorni ma i medici hanno spiegato che al momento il decorso post-operatorio procede bene.

Come spiega il Daily Mail citando fonti statunitensi, quella a cui si è sottoposto Jagger è stata un’operazione “mini-invasiva”: i medici sono intervenuti sulla valvola cardiaca attraverso l’arteria femorale, senza dover aprire il torace. Ora l’artista 75enne è monitorato per prevenire eventuali complicazioni che potrebbero derivare dall’operazione.

La notizia dell’intervento era arrivata domenica scorsa, dopo che i Rolling Stones avevano annunciato la decisione di rinviare in autunno il loro tour in nord America in programma proprio per aprile. “Sfortunatamente oggi i Rolling Stones devono annunciare il posticipo delle imminenti date dei tour negli Stati Uniti e in Canada. Ci scusiamo per gli eventuali disagi causati a coloro che hanno acquistato i biglietti per gli spettacoli, ma il gruppo avvisa i fan di conservarli, poiché saranno validi per le date riprogrammate, che saranno annunciate a breve. I dottori hanno consigliato a Mick di non andare in tour in questo momento, in quanto ha bisogno di cure mediche. I dottori hanno detto a Mick di attendere la completa ripresa, in modo da poter tornare sul palco il prima possibile”, aveva spiegato la band.

Poi era stato lo stesso Mick Jagger a rassicurare i fan sulle sue condizioni di salute: “Mi dispiace tanto per i nostri fan in America e in Canada che hanno acquistato i biglietti. Odio davvero lasciarli in questo modo. Sono devastato per aver dovuto posticipare il tour, ma lavorerò molto duramente per tornare in pista il più presto possibile. Ancora una volta, scuse enormi a tutti”, aveva scritto il leader degli Stones.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gordon Ramsay, a 52 anni è padre per la 5 volta: “Oscar James è nato alle 12.58 in tempo per il pranzo”

next
Articolo Successivo

Maurizio Costanzo Show, Brosio: “Volevo vincere l’Isola per aiutare i bambini della Bosnia”. Bracconeri: “Aiuta prima gli italiani”

next