Nella Giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo indetta dall’assemblea generale delle Nazioni Unite il 18 dicembre 2007, a farsi sentire sono le madri e i padri dei ragazzi e degli adulti che soffrono di questa sindrome. “Il problema fondamentale – spiega Betty De Martis, presidente dell’Associazione nazionale genitori soggetti autistici – è la non applicazione delle linee di indirizzo e della Legge 134/2015. Le regioni non riescono a mettere in pratica ciò che viene chiesto. Nonostante un diritto e nonostante la Legge, spesso in molte città non abbiamo i servizi che dovremmo avere per migliorare la qualità della vita dei nostri figli”.

De Martis si riferisce alla mancata presa in carico da parte del sistema sociosanitario: “Spesso manca chi fa una diagnosi, chi segue il progetto di vita dei nostri ragazzi. La scuola, inoltre, non riesce a garantirci insegnanti di sostegno formati. Quando termina l’obbligo scolastico c’è il vuoto totale e la destinazione dei nostri ragazzi sono i centri diurni con operatori che non conoscono bene la sindrome. Di conseguenza molte famiglie scelgono di non inserirli in questi centri. Il risultato è che questi ragazzi a vent’anni vivono a casa con i genitori e spesso perdono le competenze che gli sono state insegnate”. Capire l’autismo è il primo passo necessario, ecco cinque libri fondamentali per approfondire il tema.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Al supermercato niente più monetine da 1 o 2 cent. E vissero tutti felici e contenti (forse)

next
Articolo Successivo

Brexit e la nostalgia del Ventennio

next