Dopo vari mesi con il segno meno a partire dall’ottobre scorso, il tasso di disoccupazione torna a salire a febbraio, seppure appena di 0,1 punti percentuali, attestandosi al 10,7%. Lo rileva l’Istat, diffondendo i dati provvisori che raccontano anche di un lieve calo del tasso di disoccupazione giovanile (15-24enni) al 32,8% (-0,1 punti percentuali). Secondo Eurostat, l’Italia è terza per il tasso di disoccupazione nella Ue a febbraio, mentre registra il secondo tasso più alto per quella giovanile, dietro solo alla Grecia. Cala anche la stima degli occupati: -0,1%, pari a -14mila unità. Rispetto al mese precedente, sono scesi i soprattutto i dipendenti a tempo indeterminato (-33mila) ma anche quelli a termine (-11mila). Invece risultano in aumento gli indipendenti (+30mila). Ma nel confronto tra il trimestre dicembre-febbraio – il primo dopo l’entrata in vigore a pieno regime del decreto Dignità – e quello precedente, il numero dei dipendenti fissi è salito di 23mila unità (+0,2%), rispetto a un calo di 17mila tra gli a termine (-0,6%).

A febbraio, scrive l’Istat, l’occupazione è in lieve flessione anche nel tasso (-0,1 punti, a 58,6%) dopo il contenuto aumento del mese precedente, “producendo come risultato una sostanziale stabilità nella media mobile trimestrale”. Quindi questo è il risultato di mesi altalenanti. “La stabilità degli occupati – continua l’Istituto di statistica – nel trimestre si conferma sia per genere sia per posizione professionale, mentre tra i dipendenti si registra un aumento dei permanenti e una diminuzione dei temporanei”, anche se nel mese scendono entrambe le tipologie. Il trimestre in questione è quello che va appunto da dicembre a febbraio, dopo la piena applicazione del provvedimento voluta da Luigi Di Maio proprio per ridurre la precarietà. “Su base tendenziale – conclude il commento dell’Istat – si conferma la crescita degli occupati (+113mila) seppure con intensità inferiore rispetto alla media del 2018. La disoccupazione è in aumento nell’ultimo mese mentre cala sia nel confronto trimestrale sia nei dodici mesi per effetto della sola componente maschile”.

Disoccupazione – Il tasso di disoccupazione non risaliva da ottobre. E infatti il 10,7% è il livello più alto sempre da ottobre scorso. Il rialzo, spiega l’Istat, è di o,1 punti percentuali anche se per effetti degli arrotondamenti si passa al 10,7% dal 10,5% di gennaio. Guardando al numero dei disoccupati, la crescita riguarda entrambi i generi e si concentra tra le persone oltre i 35 anni. Le persone in cerca di occupazione aumentano dell’1,2% (+34mila), risultando pari a 2 milioni 771mila. Su base annua tuttavia il numero dei disoccupati è in calo (-1,4%, -39 mila). Confrontando il dato con il minimo pre-crisi (5,8%, dell’aprile 2007), emerge come il tasso disoccupazione sia ancora di quasi 5 punti superiore.

Occupazione – Il calo mensile dell’occupazione è concentrato nella classe di età centrale dei 35-49enni (-74mila), mentre si conferma il segno positivo per gli ultracinquantenni (+51mila). Su base tendenziale, l’espansione riguarda entrambe le componenti di genere, interessando i 25-34enni (+21mila) e principalmente gli ultracinquantenni (+316mila). L’Istat segnale infine la tendenza dell’anno, in cui sono cresciuti “soprattutto” i dipendenti a termine (+107mila), che si mantengono sopra i tre milioni (3 milioni e 47mila) e si sono registrati segnali “positivi” anche per gli indipendenti (+7 mila) mentre sono calati i dipendenti permanenti (-65mila). Tendenza invertita appunto dall’ultimo trimestre, in cui il calo di a termine e indipendenti è stato compensato da un aumento dei dipendenti permanenti.

Inattività – Il tasso di inattività resta stabile per il quarto mese consecutivo, attestandosi a febbraio al 34,3%. Lo rileva l’Istat, spiegando che dietro alla percentuale però qualcosa si muove: il numero degli inattivi, ovvero di coloro che non hanno un’occupazione né la cercano, scende di 14 mila unità, per effetto della diminuzione registrata per le donne (-20mila unità). Il calo inoltre si concentra sulle classi di età che vanno dai 25 ai 34 (-16mila) e tra gli over50 (-29mila). Quindi a febbraio, guardando alle unità e non alle percentuali, alla lieve diminuzione degli occupati ha corrisposto un aumento della disoccupazione con una contemporanea discesa degli inattivi.

I dati Eurostat – Nell’eurozona a febbraio la disoccupazione è stabile al 7,8% rispetto al mese precedente e in calo rispetto all’8,5% di febbraio 2018. L’Italia è terza nella Ue dietro alla Grecia (18,0% registrato a dicembre 2018, a gennaio e febbraio i dati non sono disponibili) e alla Spagna (13,9%). Seconda per quella giovanile, dove i tassi più deboli si osservano in Germania (5,6%) e nella Repubblica Ceca (6,0%). A febbraio 2019 3,309 milioni di giovani sotto i 25 anni erano disoccupati nella Ue-28 di cui 2,337 milioni nella zona euro. Rispetto a febbraio 2018 i giovani disoccupati sono scesi di 222mila nella Ue-28 e 181mila nella zona euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, troppi piccioni per una fava

prev
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, “sospese” le domande online per aggiornare i requisiti

next