La possibilità di presentare le domande online per il reddito e la pensione di cittadinanza è “temporaneamente sospesa in attesa che venga aggiornato il modello di domanda con le ultime novità normative”. Lo comunica il ministero del Lavoro, dopo che venerdì 29 marzo è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale la legge di conversione del cosiddetto decretone approvato dal Senato il 27 marzo scorso.

Nel corso dell’esame parlamentare del decreto che ha introdotto reddito di cittadinanza e quota 100 sono stati infatti modificati i requisiti di residenza, reddituali e patrimoniali per avere diritto al beneficio mensile, come ad esempio l’obbligo per gli extracomunitari di presentare certificato di reddito e composizione del nucleo familiare dal Paese di origine, oppure l’esclusione di chi possiede case da oltre 30mila euro non solo in Italia ma anche all’estero. O ancora la stretta per chi ha guai con la giustizia.

Di conseguenza, alcune delle persone che con le vecchie regole avrebbero diritto al reddito di cittadinanza potrebbero ora essere esclusa. La norma stabilisce, quindi, che se la domanda è stata presentata prima della pubblicazione del nuovo testo in Gazzetta ufficiale sarà possibile accedere al beneficio, per un periodo di 6 mesi, con le vecchie regole. Per chi presenterà domanda a partire da aprile invece saranno validi i nuovi requisiti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disoccupazione, +0,1% a febbraio: 10,7. Scende quella giovanile. Dipendenti fissi giù su mese, ma +23mila nel trimestre

next
Articolo Successivo

Manifatturiero italiano in crisi: vogliamo dirci la verità?

next