“Una ventina di anni fa ho stipulato una polizza che oggi mi copre gusto e olfatto per 500 mila euro. Il gusto si può perdere, a causa di un trauma, un virus, anche un raffreddore mal curato”. A parlare così al Corriere della Sera è Edoardo Raspelli, il critico gastronomico più importante d’Italia che assicura di essere l’unico al mondo ad aver assicurato “il palato”. Un racconto lungo e dettagliato, quello del critico, che di aneddoti nel cassetto ne ha e non pochi. La sua maggior delusione? “Ferran Adrià, dove mi hanno servito 22 portate: 22 creazioni senza costrutto. Tra queste, un piatto di gelatina al Porto con semi di peperoni che, da che mondo è mondo, non si tengono, si buttano”. Famoso per anche per le sue stroncature, Raspelli ha ricevuto querele e non solo: “Una trentina, oltre a minacce, telefonate anonime e una corona da morto. Ho pure rischiato di essere fatto fuori per una critica a La vecchia Milano, ignaro che fosse il ristorante di un re della mala, Francis Turatello”.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alessandra Mussolini a Jim Carrey: “Sei un bastardo”

prev
Articolo Successivo

Irama, la sua canzone dice “voglio fare a pugni con quel trans”. Manila Gorio: “Quel trans sono io. Ricordo ancora quando mi avete deriso. Chiedi scusa”

next