Preso a colpi di mannaia al volto da quattro persone, che poi si sono date alla fuga. E’ accaduto a un uomo di 60 anni, ritrovato riverso a terra in una pozza di sangue in via degli Aliscafi, a Ostia, con profonde ferite anche alle braccia e al torace. L’uomo, affidato alle cure dei sanitari, è subito risultato in gravissime condizioni a causa di numerose e profonde ferite al volto e nella parte superiore del corpo. Trasportato in codice rosso all’ospedale San Camillo, è in prognosi riservata ed è considerato in pericolo di vita. I carabinieri della compagnia di Ostia insieme a quelli del Nucleo Investigativo di Ostia hanno trovato una mannaia sporca di sangue e hanno così fatto scattare le indagini.

I militari hanno ricostruito che la vittima era stato aggredito da quattro uomini che si erano poi dati alla fuga in direzione del porto turistico. I militari hanno perlustrato la zona e in via delle Piroghe hanno trovato un uomo in evidente stato di agitazione: aveva ferite da taglio al volto e alle mani in merito alle quali non ha saputo fornire spiegazioni. I carabinieri lo hanno sottoposto a fermo per “tentato omicidio“: è un 55enne di origine cilena residente nel decimo municipio di Roma. Accompagnato all’ospedale “Grassi” della cittadina costiera per le cure del caso, si trova piantonato dai militari. Proseguono le indagini per individuare i complici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foggia, migrante africano ucciso a colpi di pistola: indagano i carabinieri

prev
Articolo Successivo

Milano, trovato cadavere carbonizzato e decapitato. Testa e arti a fianco del corpo, ancora non identificato – FOTO

next