Così come cambiano le forme di mobilità, cambiano anche le modalità di utilizzo dei veicoli. Sempre più italiani, infatti, sembrano preferire il noleggio a lungo termine di un’auto anziché affrontare una spesa ingente e talvolta anche incerta: i numeri raccolti da ANIASA, l’associazione di Confindustria che rappresenta i servizi di mobilità, parlano di 40 mila automobilisti che ad oggi scelgono la formula del noleggio a lungo termine. Un numero destinato ad aumentare entro la fine del 2019, quando si stima potranno essere già 50 mila.

“Costo fisso e pacchetti ‘all inclusive’ stanno determinando il successo della formula”, evidenzia Massimiliano Archiapatti – Presidente ANIASA, “A parità di modello e di percorrenza, stimiamo una convenienza media del 15% rispetto alla proprietà, senza contare altri vantaggi, come non immobilizzare l’intero capitale per l’acquisto o il tempo risparmiato per la “burocrazia dell’auto” (bollo, assicurazione, manutenzione, eventuali multe o incidenti). E si evitano le complicazioni e illusioni collegate alla vendita dell’usato”.

Già, perché se l’acquisto di un’auto prevede in media un esborso iniziale di 15 mila euro, comprensivo di iva, sconti al 10%, immatricolazione e optional casa, per il noleggio a lungo termine di 36 mesi si preventiva una spesa di 10.600 euro, anticipo incluso. Il veicolo di proprietà, in più, comporta anche le spese di gestione (tassa annuale, Rc auto, manutenzione ordinaria e soccorso stradale), per le quali si calcolano in media 4 mila euro: al netto di tutto, l’acquisto di un’auto fa spendere, in 36 mesi, 2.100 euro in più rispetto a un contratto di acquisto in leasing della stessa durata.

Il costo mensile di un’auto “in affitto” può variare da 240 euro (iva compresa) per una city car a 300 euro circa per una monovolume, e generalmente la durata di un contratto va dai 24 ai 48 mesi. Chiaramente l’opzione del noleggio a lungo termine è vantaggiosa, da un punto di vista economico, per quanti si trovano a percorrere tra i 10 mila e i 25 mila chilometri all’anno, mentre chi è abituato ai brevi spostamenti potrebbe trovare una valida alternativa nelle formule di mobilità condivisa, come il car sharing.

A scegliere queste nuove forme di acquisto, secondo l’indagine condotta dalla società Bain&Company, è per il 52% dei casi un uomo di giovane età, più informato e benestante rispetto a chi decide di avere un’auto di proprietà. Non solo, il cliente tipo è piuttosto attento ai temi di mobilità sostenibile, propenso all’elettrico e spesso un lavoratore pendolare, che intende noleggiare un’auto a lungo termine per avere un’alternativa al primo veicolo di famiglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

ADAS, dal 2022 scatta l’obbligo in Europa sulle auto nuove. Aumenta la sicurezza

prev
Articolo Successivo

Codice della Strada, le novità: ok a scooter 125 e moto elettriche in autostrada

next