Tante risate, qualche momento di commozione e il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che diventa nelle parole della presentatrice Geppi Cucciari ‘Full Metal Sergio’. Al Quirinale un David di Donatello così non si era mai visto. La svolta impressa agli ‘Oscar’ del cinema italiano dalla guida di Piera Detassis si è manifestata anche nel tradizionale ricevimento al Colle, dedicato a tutti i candidati ai David, prima della premiazione serale: dal filmato introduttivo (con storia e highlights del premio giunto alla 64ma edizione) alla conduzione, appunto, dissacrante ed esilarante della Cucciari, che ha preceduto i discorsi ufficiali, con un monologo punteggiato dalle risate e dagli applausi della platea. Grande commozione e standing ovation, invece, quando l’attrice-conduttrice ha nominato Ennio Fantastichini (scomparso il primo dicembre scorso) tra i candidati nella cinquina per il David al migliore attore non protagonista

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

David di Donatello 2019, Guadagnino e Garrone testa a testa. A Tim Burton premio alla carriera dalla mani di Benigni

next
Articolo Successivo

David di Donatello 2019, trionfa “Dogman” con 9 premi. Alessandro Borghi miglior attore con “Sulla mia pelle”, storia di Stefano Cucchi

next