Una famiglia stava passeggiando sul marciapiede dirigendosi verso il centro città dopo aver cenato fuori quando un’auto ha sbandato e li ha travolti. È successo sabato sera nel centro di Intra, frazione di Verbania che si affaccia sul lago Maggiore: Gianni Agosti, 54 anni, è morto, mentre due donne di 58 e 34 sono ricoverate in ospedale a Novara in gravi condizioni assieme ad un bambino di 20 mesi che non è in pericolo di vita. Alla guida dell’auto c’era un ragazzo di 24 anni che, ancora sotto choc, è stato fermato e poi rilasciato perché negativo all’alcoltest. La polizia stradale, intervenuta sul posto per i rilievi del caso, indaga sull’esatta dinamica dell’incidente e sulle sue cause, tra le quali non vengono esclusi un colpo di sonno e l’alta velocità.

La vittima, secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, stava camminando sul marciapiede che costeggia il ponte di via Vittorio Veneto, in direzione centro, dopo aver cenato fuori con la compagna, la nuora e il bambino di questa. L’auto che li ha travolti, una Ford, ha imboccato la discesa del ponte, è sbandata e ha invaso l’altra corsia, finendo col travolgere la famiglia sul marciapiede dopo avere evitato un’altra auto che viaggiava in senso opposto. La famiglia è stata schiacciata contro la barriera di metallo del ponte. Il nonno, 54 anni, di Cossogno, è stato sbalzato oltre al parapetto ed è caduto, con un volo di circa due-tre metri, sul marciapiede sottostante: è morto sul colpo. Hanno invece riportato gravi ferite la nonna, 58 anni, e la mamma, 34 anni. Entrambe sono state trasferite in ospedale a Novara. Il bimbo invece, ha riportato traumi lievi e sospette fratture.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rami ha diritto alla cittadinanza perché è nato in Italia non per una telefonata

prev
Articolo Successivo

Prato, tra canti e bandiere, la piazza piena contro Forza Nuova: “Dall’altra parte pochi nostalgici patetici”

next