Nel giorno del bilaterale tra Italia e Cina a Villa Madama a Roma, con la presenza del presidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping e del premier italiano Giuseppe Conte, è stato il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio a rivendicare: “Solo gli accordi firmati qui oggi in sostanza valgono 2,5 miliardi di euro. Accordi che hanno un potenziale di 20 miliardi di euro”.  “Irritazione da parte di Francia e Germania e rischi di ripercussioni da parte di Macron sul caso Tav? Io non parlerei di posizione franco-tedesca, le due posizioni hanno sfumature diverse – ha replicato Di Maio al Fatto.it – È chiaro che l’Italia è arrivata prima sulla Via della Seta e quindi altri Paesi Ue hanno delle loro posizioni critiche, ne hanno tutto il diritto. Nessuno vuole scavalcare i nostri partner Ue ma, come qualcuno diceva America First, noi nelle relazioni commerciali diciamo Italy First”, ha rivendicato.  E sulle critiche da parte dell’alleato leghista di governo, il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini, Di Maio ha tagliato corto: “Ha diritto di parlare, ma io penso ai fatti come ministro dello Sviluppo economico”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ius soli, Delrio: “Ci mancò coraggio di mettere fiducia. Zingaretti dia battaglia”. Salvini: “Legge va bene così com’è”

prev
Articolo Successivo

Silvio Berlusconi annuncia: “Farò un codice dei diritti degli animali, i miei 11 cani dormono tutti con me”

next