“Gli animali sono esseri senzienti, non cose”. Parola di Silvio Berlusconi che, ospite di “Dalla parte degli animali“, la trasmissione di Rete4 ideata e condotto dalla deputata di Forza Italia Michela Vittoria Brambilla, ha annunciato: “Farò un codice dei diritti degli animali, che devono essere tutelati”. L’ex premier ha rivelato infatti di avere una grande passione per gli amici a quattro zampe e ha raccontato anche qualche scena di vita familiare con i suoi 11 cani: Dudù, Dudina, Peter, Trilli, Wendy, Harley, Rambo, Marilyn e Ginny “dormono in camera con me, si svegliano con me, fanno colazione con me”.

“Per dare concreta attuazione a questo principio, sancito a livello europeo, si deve affermarlo anche nella nostra Costituzione – ha spiegato Berlusconi -. Meritano di essere tutelati tutti gli animali, compresi quelli destinati all’alimentazione umana. Oggi milioni di animali vivono una vita-non vita negli allevamenti intensivi e fino a qualche tempo fa se ne curavano in pochi. Ma la sensibilità è mutata, e anch’io credo che si debba superare il sistema delle gabbie”.

Per Berlusconi il randagismo “è una vergogna che dobbiamo lasciarci alle spalle. Il passo più importante è agevolare le adozioni e rendere più facile la vita dei proprietari di animali, sui quali pesano un ingiustificabile carico fiscale così come divieti anacronistici di accedere in luoghi pubblici. L’affetto degli amici a quattro zampe vuol dire molto per le famiglie che li ospitano e che devono essere aiutate”. “Sono felice di aver preso in canile molti dei cani che vivono con me o che ho regalato ai miei familiari – ha concluso l’ex premier -. Un cane adottato ti darà un amore ancora più grande, perché sa che l’hai salvato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Via della Seta, Di Maio: “Italia arrivata prima, ma non vogliamo scavalcare partner Ue. Salvini? Io penso ai fatti”

prev
Articolo Successivo

Banche, Paragone a risparmiatori: “Decreti attuativi? Spero non li scriva solo Tria, vanno sbloccati a prescindere da Ue”

next