Mentre la Lega ha dato l’assalto al codice degli appalti, già bollato come “boiata pazzesca” dal sottosegretario Massimo Garavaglia e bocciato pure dal collega Armando Siri secondo cui “per combattere la corruzione serve il buonsenso“, a Palazzo Chigi il presidente Giuseppe Conte ha incontrato Regioni e Comuni, oltre ai sindacati e alle associazioni dei costruttori (Ance) e degli industriali sul tema dello sblocca cantieri. “Vogliamo far ripartire la nostra economia sbloccando i cantieri”, ha rivendicato il premier. Mentre presidenti di Regione come il leghista Luca Zaia (Veneto) e il forzista Giovanni Toti hanno rilanciato la necessità, a loro dire, di “cambiare il codice”. “Non è stato la panacea contro la corruzione”, ha sottolineato Zaia. Ma il dem Chiamparino (Piemonte) si è dissociato: “Il problema sono finanziamenti e progetti lenti, non le norme. Si può migliorare, ma rischio è che vogliano far saltare assetto che può funzionare”. Resta poi il nodo Anac, con il rischio depotenziamento dell’autorità Anticorruzione . Ma Toti nega: “Da una prima bozza non sembra sia questo l’intento del governo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Via della Seta, Prodi: “Italia deve svegliarsi e colmare il ritardo nei rapporti con i traffici verso oriente”

next
Articolo Successivo

Memorandum Italia-Cina, Di Maio: “Usa restano principali alleati. Trump disse America First, io dico Italia First”

next