Mentre la Lega ha dato l’assalto al codice degli appalti, già bollato come “boiata pazzesca” dal sottosegretario Massimo Garavaglia e bocciato pure dal collega Armando Siri secondo cui “per combattere la corruzione serve il buonsenso“, a Palazzo Chigi il presidente Giuseppe Conte ha incontrato Regioni e Comuni, oltre ai sindacati e alle associazioni dei costruttori (Ance) e degli industriali sul tema dello sblocca cantieri. “Vogliamo far ripartire la nostra economia sbloccando i cantieri”, ha rivendicato il premier. Mentre presidenti di Regione come il leghista Luca Zaia (Veneto) e il forzista Giovanni Toti hanno rilanciato la necessità, a loro dire, di “cambiare il codice”. “Non è stato la panacea contro la corruzione”, ha sottolineato Zaia. Ma il dem Chiamparino (Piemonte) si è dissociato: “Il problema sono finanziamenti e progetti lenti, non le norme. Si può migliorare, ma rischio è che vogliano far saltare assetto che può funzionare”. Resta poi il nodo Anac, con il rischio depotenziamento dell’autorità Anticorruzione . Ma Toti nega: “Da una prima bozza non sembra sia questo l’intento del governo”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Via della Seta, Prodi: “Italia deve svegliarsi e colmare il ritardo nei rapporti con i traffici verso oriente”

prev
Articolo Successivo

Memorandum Italia-Cina, Di Maio: “Usa restano principali alleati. Trump disse America First, io dico Italia First”

next