“Quello che ho scritto è molto semplice: abbiamo le regole europee sul commercio e queste penso che siano del tutto rispettate dall’accordo (il memorandum of understanding, ndr). Nell’ambito di queste regole abbiamo degli interessi nazionali che i tedeschi hanno perseguito con forza facendo il loro terminale ferroviario a Duisburg, i porti del nord hanno fatto gli accordi con la Cina, la Grecia ha addirittura venduto parte del Pireo alla Cina, mi sembra che l’Italia debba svegliarsi e prendere la parte dei traffici verso est, e non parlo solo di Cina”. Così l’ex Presidente della Commissione europea ed ex Presidente del Consiglio, Romano Prodi, a margine di un convegno dal titolo “The First connecting Eurasia Dialogue – from the Atlantic to the Pacific” a Bruxelles oggi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regione Lazio, segretaria generale a processo: ‘Truccò curriculum’. M5s chiede rimozione, ma giunta: ‘Non ci compete’

next
Articolo Successivo

Codice appalti, Zaia: “Va cambiato”. Ma Chiamparino: “Finanziamenti e progetti lenti, norme non sono problema”

next