Questa sera in consiglio dei Ministri dovrebbe approdare la riforma del codice degli appalti. Nato per contrastare la corruzione nelle piccole e grandi opere, oggi viene additato dal governo giallo-verde come freno all’avvio dei cantieri. Per il sottosegretario al ministero dei Trasporti e infrastrutture, il leghista Armando Siri,“questo codice va cancellato e totalmente riscritto”. “Per curare la malattia della corruzione abbiamo scatenato degli anticorpi che hanno distrutto l’organismo, quindi è stata una reazione eccessiva – afferma il sottosegretario – siamo l’unico Paese che ha un ente ulteriore (l’Anac, ndr) contro la corruzione, sembra che diamo per scontato che siamo tutti corrotti e dobbiamo curarci, io penso che sia il contrario: siamo tutti persone corretti fino a prova contraria. Dobbiamo alleggerire il codice, che secondo me va cancellato e totalmente riscritto”. E quale sarà il futuro dell’Anac? “Smettiamola di prendere medicine per curare una malattia che ha bisogno invece di buonsenso e di meno burocrazia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Toninelli: “Lega? Punti di partenza distanti, ma ci sarà soluzione”. Siri: “Analisi costi-benefici? Ha tralasciato dati”

next