Questa sera in consiglio dei Ministri dovrebbe approdare la riforma del codice degli appalti. Nato per contrastare la corruzione nelle piccole e grandi opere, oggi viene additato dal governo giallo-verde come freno all’avvio dei cantieri. Per il sottosegretario al ministero dei Trasporti e infrastrutture, il leghista Armando Siri,“questo codice va cancellato e totalmente riscritto”. “Per curare la malattia della corruzione abbiamo scatenato degli anticorpi che hanno distrutto l’organismo, quindi è stata una reazione eccessiva – afferma il sottosegretario – siamo l’unico Paese che ha un ente ulteriore (l’Anac, ndr) contro la corruzione, sembra che diamo per scontato che siamo tutti corrotti e dobbiamo curarci, io penso che sia il contrario: siamo tutti persone corretti fino a prova contraria. Dobbiamo alleggerire il codice, che secondo me va cancellato e totalmente riscritto”. E quale sarà il futuro dell’Anac? “Smettiamola di prendere medicine per curare una malattia che ha bisogno invece di buonsenso e di meno burocrazia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, Toninelli: “Lega? Punti di partenza distanti, ma ci sarà soluzione”. Siri: “Analisi costi-benefici? Ha tralasciato dati”

prev
Articolo Successivo

Pizzarotti: “M5s è morto. Molti vecchi elettori non ci sono più e non votano, quelli di oggi prendono tutto per buono”

next