Luca Traini“. “Sebastiano Venier“. “1571“, anno della battaglia di Lepanto. Ma anche “migration compact” e “kebab remover“. Sono alcune delle scritte che compaiono sulle armi utilizzate da Brenton Tarrant, il 28 australiano indicato dalle forze di polizia neozelandesi come autore dell’attacco alle due moschee di Christchurch, in cui sono morte almeno 49 persone.

Attentato Nuova Zelanda. “Luca Traini”, “Migration compact”, “Kebab remover”: le scritte sui fucili usati dal terrorista

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Nuova Zelanda, 40 morti in diretta Facebook. La violenza diventa show (e noi siamo complici)

next