Luca Traini“. “Sebastiano Venier“. “1571“, anno della battaglia di Lepanto. Ma anche “migration compact” e “kebab remover“. Sono alcune delle scritte che compaiono sulle armi utilizzate da Brenton Tarrant, il 28 australiano indicato dalle forze di polizia neozelandesi come autore dell’attacco alle due moschee di Christchurch, in cui sono morte almeno 49 persone.

Attentato Nuova Zelanda. “Luca Traini”, “Migration compact”, “Kebab remover”: le scritte sui fucili usati dal terrorista

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attentato Nuova Zelanda, 40 morti in diretta Facebook. La violenza diventa show (e noi siamo complici)

prev
Articolo Successivo

Attacco Nuova Zelanda, l’ossessione del terrorista: la “sostituzione etnica”, parola d’ordine delle destre sovraniste dell’Ue

next