“E se un ministro sequestrasse degli studenti?”. È la provocazione da cui parte un video, ideato e promosso da Pietro Grasso (LeU), ambientato nel 2024, per spiegare l’importanza del voto in Senato sull’autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, del prossimo 20 marzo sul caso Diciotti. Il post che accompagna il filmato (che lancia il sito megliodino.it) spiega: “Impedire il processo crea un precedente pericolo. Non è il caso Salvini, ma molto di più: il punto centrale riguarda il principio della separazione dei poteri in una democrazia”. Per questo motivo Grasso ha scritto una relazione, già depositata in Senato, che contraddirebbe quanto sostenuto da Salvini e quanto affermato dal presidente della Giunta per le immunità, Maurizio Gasparri. “Che cosa accadrebbe se un ministro trattenesse in una scuola 177 ragazzi per costringere le associazioni studentesche a interrompere delle pacifiche proteste contro una riforma dell’Istruzione?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Conte: “Nessuna reazione emotiva o sentimento può giustificare o attenuare la gravità di un femminicidio”

prev
Articolo Successivo

Decretone, emendamenti di governo e relatori: 50 euro in più alle famiglie con disabili, pensione di cittadinanza cash

next