Justin Bieber sta combattendo contro la depressione“. Un mese fa il sito di gossip E! News aveva rivelato questa indiscrezione, mettendo in allarme milioni di fan del giovane cantante canadese che aveva poi confermato tutto in un’intervista a Vogue America. In tutto questo tempo poi, aveva mantenuto il silenzio così in tanti avevano pensato che Bieber fosse riuscito a superare quel momento difficile. E invece No. “Volevo solo darvi degli aggiornamenti, spero che riusciate a capire quello che sto vivendo“, ha scritto domenica in un post su Instagram in cui ha pubblicato una sua foto in bianco e nero del 2016, che lo ritrae in un momento di “concentrazione” insieme a Kayne West e al suo manager Scooter Braun.

“In questo periodo sto lottando molto, mi sento super scollegato e strano. Non sono preoccupato perché alla fine mi riprendo sempre”, ha aggiunto aprendosi per la prima volta con i suoi fan. “Vi chiedo semplicemente di pregare per me. Dio è fedele e le vostre preghiere funzionano davvero. Sto attraversando la stagione più umana della mia vita“, conclude Justin chiamando a raccolta i beliebers in una specie di call to action. “Vi ringrazio tanto”. Tantissimi i messaggi di affetto e di sostegno che i suoi fan gli hanno lasciato nei commenti al post.

“Nel 2017, durante il Purpose Tour, ero davvero depresso. Ne ho parlato poco e sto ancora elaborando tante cose che ho taciuto. Ho dovuto affrontare il fatto che mia mamma è stata a lungo depressa e mio papà ha avuto problemi di rabbia, fattori che hanno influito sulla mia crescita”, aveva raccontato qualche tempo fa a Vogue America, spiegando di ricorrere spesso allo Xanax per superare i traumi del suo passato: “Lo prendevo perché mi vergognavo di ciò che facevo. Usavo i farmaci per mettere una specie di schermo alla coscienza. Voglio sempre che tutti mi apprezzino e non mi fido di nessuno: all’inizio dubitavo persino di Hailey(Baldwin)”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Albano Carrisi, l’Ucraina lo inserisce nella ‘lista nera’: “È minaccia alla sicurezza nazionale”

next
Articolo Successivo

“Will Smith non è abbastanza nero per fare quel personaggio”: l’attore travolto dalle polemiche

next