L’indice Pmi, rilevato attraverso sondaggi tra i direttori acquisti delle aziende per monitorare l’attività economica, a febbraio è tornato a salire dopo la contrazione di gennaio. L’indice composito, che sintetizza l’andamento del settore manifatturiero e dei servizi, è salito a 49,6 dai 48,8 di gennaio. Il dato è migliore delle stime degli economisti che si attendevano un range tra il 48,6 e il 49,3. Questo indice è ritenuto affidabile nell’anticipare la congiuntura: il valore 50 è considerato il confine tra miglioramento e peggioramento delle prospettive dei settori.

Per il solo settore dei servizi il Pmi, calcolato da Markit, è salito a 50,4 rispetto ai 49,7 di gennaio. Anche in questo caso il dato è superiore alle stima di 49,5 avanzata dagli analisti. Per quanto riguarda invece l’indice composito, un dato negativo si registra sui nuovi ordini scesi per il secondo mese consecutivo: a febbraio a quota 48,8 dai 49,7 di gennaio. In questo caso si tratta del peggior dato da gennaio 2015.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“La fiducia dei consumatori continua a salire anche nel quarto trimestre 2018”: da Nielsen numeri opposti rispetto a Istat

next
Articolo Successivo

Nomine pubbliche, Cdp approva liste per i vertici di Fincantieri, Italgas e Snam: confermati Bono, Gallo e Alverà

next