Stalkerizzava l’ex compagna dal cielo. A bordo di un deltaplano, con lo stemma di Batman. A Cremona, Fabrizio Bolletta, lo “stalker-pipistrello”, è stato condannato dal gup Elisa Mombelli a due anni e quattro mesi senza condizionale (il pm aveva chiesto quattro mesi in più). L’imputato, giudicato con rito abbreviato, dovrà risarcire la vittima con una provvisionale di 5mila euro. Bolletta, 49 anni, di Lanciano e residente in provincia di Cremona, sorvolava a bassa quota, senza autorizzazione, le case di Crema, pedinando dall’alto la sua vittima. Per l’accusa è uno stalker, oltre che un pirata dell’aria.

“Batman” era finito in manette a luglio. Stando a quanto ricostruito dalla Procura, l’uomo non aveva accettato la fine della sua storia d’amore e dal giugno del 2016 aveva iniziato a molestare la donna, telefonicamente e sui social. Le inviava messaggi minacciosi, chiedendole insistentemente di pagare un debito in realtà inesistente, e fermandosi più volte davanti all’abitazione e al negozio dove lei lavorava. Sempre secondo quanto emerso dalle indagini, le sputava addosso e insultava lei e i suoi familiari. In un paio di occasioni era volato così a bassa quota da essere riconosciuto in volto, e aveva mostrato il dito medio in segno di disprezzo. Non solo: seguiva la donna in auto effettuando manovre pericolose; sui social creava falsi profili sui quali pubblicava fotografie di lei nuda o in atteggiamenti intimi.

Già tre anni fa, Bolletta aveva ricevuto un provvedimento di ammonimento da parte della Questura, ma nulla era cambiato. In suo favore nel processo hanno testimoniato in 14. Tutti lo hanno descritto come una brava persona: esuberante, eclettica, ma ben voluta e sempre disponibile. L’imputato, che ha annunciato che farà appello, ha il divieto di entrare nel paese dove lavora e risiede l’ex fidanzata e non può avvicinarsi a lei.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Corteo People a Milano, Boldrini. “Qui c’è vita, chi odia ha paura. Salvini? Non voglio rovinare questa giornata”

prev
Articolo Successivo

Corteo People, Martina: “Iniziata primavera democratica. Giachetti non c’è? Contate le presenze, non le assenze”

next