Annuncia presto “misure concrete” contro il ribelle Viktor Orban, sempre più lontano dai valori del partito popolare. Per Manfred Weber, capogruppo del Ppe, arriva – a parole, al momento – lo strappo col leader ungherese e il suo partito sovranista Fidesz. “Victor Orban – ha detto al settimanale Der Spiegel – va nella direzione sbagliata: quando si tratta di questioni di stile o di ordine democratico, ci sono delle intersezioni con il leader della Lega Salvini e con il leader del PiS, Kaczynski. Non è la mia strada né quella del Ppe“. E guardando a eventuali provvedimenti da parte della famiglia di centrodestra del Parlamento Europeo – che include, fra gli altri, i tedeschi di Cdu/Csu e Forza Italia – dice: “Tutte le opzioni sono sul tavolo. Orban ha danneggiato il Ppe con le sue dichiarazioni e i suoi manifesti. Gli appelli non sono più sufficienti, prenderemo presto misure concrete”. Fidesz è uno dei partiti ribelli all’interno dei gruppi rappresentati nel Parlamento europeo, ma espellerlo dal Ppe significa ingrossare le file dei sovranisti. Per Ungheria e Polonia, peraltro, il Parlamento europeo ha attivato per la prima volta l’attivazione dell’articolo 7 – che può portare anche a sanzioni – dopo riforme della giustizia che limitano l’autonomia della magistratura, provvedimenti contro i migranti e violazione dello Stato di diritto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antieuropeismo, abbiamo due pregiudizi da abbattere

prev
Articolo Successivo

‘Viva l’Italia. Perché non siamo il malato d’Europa’. Il libro-inchiesta di Francesco Bonazzi sull’economia della paura

next