Torna in tv Jessica Fletcher, la detective più amata del piccolo schermo. Il celebre telefilm “La Signora in Giallo” sarà infatti in onda dal 9 marzo al 5 aprile, con una maratona non stop sul canale FoxCrime+1 che per l’occasione cambierà nome in 100% Giallo e trasmetterà tutti i 264 episodi della serie dedicata alle avventure dell’anziana scrittrice che si improvvisa puntualmente detective per aiutare la polizia a risolvere i casi che succedono a Cabot Cove, la cittadine del Maine, in Usa,  dove vive.

La serie tv cult si compone di dodici stagioni, dal 1984 al 1996, 264 episodi in cui la protagonista, scrittrice di romanzi gialli, si trova guarda caso sempre nei paraggi quando ci scappa il morto. Il canovaccio della serie è rimasto immutabile per dodici anni, eppure il pubblico non si è mai stancato di seguire le avventure di Jessica Fletcher e dei suoi amici e conoscenti. Anche adesso, a oltre vent’anni dalla chiusura della serie, esiste e resiste un nutritissimo zoccolo duro di estimatori che continua a non perdersi le immancabili repliche. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Costantino Della Gherardesca replica ai gossip: “Sono ingrassato di 2kg? Rosico per lo stipendio di Matano? Si farà Pechino Express?”

next
Articolo Successivo

MasterChef 8, “i rognoni sanno di urina”. Così Giuseppe ricopia malissimo il piatto di Cannavacciuolo. Ma resta dentro

next