Ospite della trasmissione Vieni da Me di Caterina Balivo, Lorella Cuccarini è tornata a parlare della tv degli anni ’80 mentre in video stavano passando delle immagini di Fantastico con lei e Pippo Baudo: “Era un’altra televisione, tutta italiana”, ha detto la ex ballerina. E a questo punto la Balivo, consapevole della bagarre nata qualche mese fa tra Lorella e la “nemica amatissima” Heather Parisi, ha ricordato proprio la ballerina che attualmente vive a Hong Kong: “No, scusa, ma c’era Heather…“.

“No, ma io intendevo una produzione tutta italiana, dentro e fuori, con maestranze e dirigenze – ha ribattuto allora la Cuccarini – Oggi compriamo i format dall’estero, quindi la globalizzazione ha portato la tv ad essere un po’ uguale dappertutto. Dobbiamo guardare indietro, bisogna ricordarci di quello che eravamo”. La showgirl era ospite dalla Balivo anche e soprattutto per pubblicizzare Trenta Ore per la vita, raccolta fondi per le donne che lottano contro la sclerosi multipla, da oggi al 17 marzo.

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nadia Toffa diventa cantante e interpreta su Instagram “Diamante briciola”, il brano scritto da lei

prev
Articolo Successivo

Facchinetti, la lite tra la moglie e Laura Cremaschi era tutto uno scherzo de Le Iene. Lui si infuria:”Siete dei bastardi, mi state sul ca**o!”

next