Il cinema francese dovrebbe fare un monumento a Fabrice Luchini. Maschera borghese, apparentemente spocchiosa, interprete di personaggi spesso sofisticati e tignosi, Luchini ha attraversato quasi mezzo secolo di commedie romantiche, film drammatici e film d’essai, e i set, tra gli altri, di Eric Rohmer, Claude Lelouch, François Ozon e Bruno Dumont. E tutte le volte, quando è assoluto protagonista, lascia incredibilmente il segno. Lo è stato per un film senza eccessi formali come La corte di Christian Vincent, per il quale ha vinto meritatamente un Leone d’Oro a Venezia come miglior attore nel 2015. Lo è anche per questo Parlami di te (in originale Un homme pressé), dal 21 febbraio nelle sale italiane grazie a Bim.

Il film diretto da Hervé Mimran non è nulla di trascendente, ma il punto è che Luchini lo ingloba, lo fagocita, e lo fa girare tutto su di sé. O meglio attorno ad Alain, un altezzoso potente e strafottente amministratore delegato di una casa automobilistica, dedito totalmente al lavoro manageriale, senza mai riposarsi. La tragedia è telefonata, ma il risultato è meschino. Un forte ictus che ne lascia integro il fisico, ma che ne azzoppa parola e linguaggio. Abituato a dirigere team di manager, a dare lezioni di ogni tipo di professionalità ad alto livello, Alain si ritrova a dire fischi per fiaschi. Quello che pensa non corrisponde più ai termini che pronuncia con la bocca. Buongiorno diventa buonanotte (in originale è un arrivederci/au revoir molto più comicamente delicato), giornale è giornate, cercare cerchiate, lancetta pancetta, cosa cozza, e via così.

Figuriamoci partecipare al lancio di una nuovissima auto elettrica al salone dell’auto di Ginevra (Genoveffa) da lui fortemente voluta. Alain viene licenziato e pur aiutato da una ortofonista dell’ospedale il ritorno alla normalità, anche solo per non perdersi a 50 metri da casa, è lungo e faticoso. Parlami di te vive dell’esuberante performance di Luchini. Un attore che per venti minuti sembra uno squalo che si mangia il mondo per traverso e poi per un’altra ora di film riesce a mostrarsi con uno sguardo vitreo, vuoto, apatico e tentennante, perfino claudicante, in modo così leggero e talentuoso da applausi. Diverse testate francesi segnalano poi che Luchini, in  questo involontario umoristico gramelot dovuto all’handicap mescola e confonde ogni singola riga delle sue battute, mimando con grande serietà, da istrione teatrale qual è da decenni in Francia, il linguaggio gergale del “verlan” con sillabe ribaltate in uso nelle banlieu parigine. Insomma, se da un lato Mimran prova a costruire fugaci sottotrame (la figlia trascurata, la dottoressa che lo cura in cerca della madre adottiva), per far funzionare Parlami di te si passa sempre dal via: il Luchini maestosamente incapace di parlare. Hollywood Reporter segnala che potrebbe starci un remake statunitense con Bill Murray o Steve Martin protagonisti. Tutto vero, ma Luchini è davvero un altro pianeta.  Alain è ispirato all’ex CEO Peugeot-Citroen, Christian Streiff, che descrisse la sua malattia disabilitante in un libro intitolato J’etais un homme pressé.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Oscar 2019, pioggia candidature a personaggi LGBTQ: da Rami Malek con il suo Freddie Mercury a Olivia Colman, ecco chi sono

prev
Articolo Successivo

Film in uscita, da Un uomo tranquillo a Copia originale e poi The Front Runner e L’ingrediente segreto: cosa ci è piaciuto e cosa no

next