Il Festival di Sanremo è finito ma non per Michelle Hunziker che, con l’ironia che la contraddistingue, ha voluto riprovare l’ebrezza di scendere la scalinata dell’Ariston con un sontuoso abito. Così, ha indossato uno dei suoi meravigliosi vestiti e ha improvvisato una discesa in grande stile dalle scale della nuova villa di Bergamo, dove si è da poco trasferita con il marito Tomaso Trussardi e le figlie Sole e Celeste. A “rovinare” l’atmosfera, c’erano però le voci fuori campo dei suoi collaboratori domestici che la riportavano alla realtà: “Le sue figlie l’aspettano nella vasca”, “butto la pasta“.

Il video è stato pubblicato sul suo profilo Instagram e ha raccolto migliaia di like ma poi, ad un certo punto, è sparito. Michelle ha deciso infatti di rimuoverlo dopo le molte critiche che le erano arrivate nei commenti. Molti utenti infatti, hanno avuto a che ridire riguardo al suo stile di vita: “Sarai pure simpatica, ma c’hai pure un sacco di soldi”. E ancora: “Manca solo ‘Ciao povery’“. E infine: “Anch’io vorrei essere interrotto dalla servitù“.

Il filmato è quindi sparito dal suo profilo Instagram, ma ha fatto comunque il giro del web. Stamattina invece, nelle sue stories è apparsa la foto di una scimmietta perplessa, accompagnata da un’eloquente didascalia: “Questa è la mia faccia stamattina quando ho letto le solite, inutili polemiche. L’iposcrisia è senza confini“.  L’intento originario di Michelle in quel video sembra infatti che fosse quello di vendere per beneficenza l’abito indossato nel filmato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Valentino, come sopravvivere alla festa degli innamorati: piccolo vademecum (ironico) per single

next
Articolo Successivo

Ultimo, Antonello Venditti lo prende in giro per il secondo posto al Festival. E la cena finisce così

next