Se avete uno smartphone con sistema operativo Android e non avete ancora installato gli aggiornamenti pubblicati da Google il 5 febbraio, consigliamo di farlo quanto prima. L’upgrade comprende, tra le altre, un’importante patch per la sicurezza che può mettere al riparo i dispositivi da una falla piuttosto grave. La minaccia a questo giro è una banale immagine PNG (Portable Network Graphics), un formato molto diffuso online e per questo apparentemente innocuo. In genere viene spedita via mail o via chat e, se viene aperta all’interno di un’applicazione, potrebbe permettere a un malintenzionato di agire da remoto eseguendo un codice arbitrario (malware).

Immagine: Depositphotos

 

Il problema si verifica perché, nonostante l’apparenza, non si tratta di un’immagine “ordinaria”. È un file con all’interno del codice malevolo, che si attiva nel momento in cui un’applicazione visualizza l’immagine. A quanto riferito dalle fonti, non ci sarebbero state segnalazioni di contagi prima che gli esperti di Google si accorgessero del problema. La soluzione è contenuta appunto nell’ultimo aggiornamento.

Quella del file PNG, peraltro, non è l’unica vulnerabilità corretta con le patch più recenti. Se ne contano ben otto, fra cui una che permette di eseguire del codice remoto con trasmissioni wirelesss Bluetooth. Nonostante l’impegno dei produttori nel continuo monitoraggio delle minacce informatiche, problemi come quelli riportati sopra sono piuttosto diffusi, quindi è bene impostare lo smartphone affinché esegua in automatico gli aggiornamenti software, o in alternativa tenere d’occhio le notifiche e installare le patch per la sicurezza in maniera tempestiva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Partite di calcio più coinvolgenti con le riprese di 38 telecamere 5K e la tecnologia Intel

next
Articolo Successivo

I dati dei passeggeri di alcune compagnie aeree non sono adeguatamente protetti, l’analisi degli esperti

next