Guardare alcune partite di calcio della Premiere League potrebbe diventare presto un’esperienza più coinvolgente. Un accordo sottoscritto dai club inglesi Arsenal FC, Liverpool FC e Manchester City con Intel prelude infatti alla possibilità di rivedere le azioni di gioco da qualsiasi angolazione (360°), anche dal punto di vista del giocatore coinvolto. Sarà possibile mediante l’implementazione della tecnologia Intel True View per la realizzazione di sequenze video volumetriche, che è in corso nei tre stadi (Emirates Stadium, Anfield Stadium ed Etihad Stadium) in cui giocano in casa le quadre citate.

Tecnologie hardware e software lavoreranno di concerto per ricreare le azioni di gioco e presentarle all’utente dal punto di vista ideale, o dal punto di vista del giocatore. La disponibilità di tali immagini sarà indipendente dal fatto che gli spettatori stiano seguendo la partita in diretta o che la rivedano dal sito ufficiale, dall’app mobile o dai social media dei club di cui sono tifosi.

 

Com’è possibile ottenere un risultato del genere? Utilizzando 38 telecamere a definizione 5K. Le telecamere riprendono tutto ciò che accade, includendo dati quali altezza, larghezza e profondità. Così facendo possono riprodurre contenuti video composti da milioni di voxel (pixel con volume).

Un “laser wall” (un “piano” virtuale) offre agli spettatori un’immagine chiara della posizione dei giocatori in campo. Le immagini vengono elaborate, e il software ricrea tutti i punti di vista di una persona o di un oggetto 3D completamente volumetrico. Il risultato è un ambiente virtuale in 3D che consente agli utenti di esplorare una scena da qualsiasi angolazione e prospettiva.

Il progetto è imminente, perché si parla della disponibilità di questa tecnologia a partire dal 10 marzo. L’obiettivo è fin troppo chiaro: l’industria dello sport sta attraversando un periodo di cambiamenti significativi dovuti alla sempre maggiore disponibilità di soluzioni tecnologiche. Per soddisfare le aspettative dei fan si fanno copiosi investimenti: solo nel 2018 hanno raggiunto quasi 1 miliardo di dollari. L’accordo fra tre dei club più prestigiosi della Premier League e Intel è volto a offrire ai tifosi “una visione completamente nuova del gioco, con la possibilità di mettersi letteralmente nei panni dei giocatori e vedere le azioni dal loro punto di vista”, come ha spiegato Peter Silverstone, direttore commerciale dell’Arsenal FC.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Huawei Watch GT è lo smartwatch da 199 euro che soddisfa gli sportivi, ma non si adatta al polso femminile

prev
Articolo Successivo

Una foto può mettere in pericolo la sicurezza degli smartphone Android, ma c’è una soluzione

next