“Provvedimento inutile e dannoso”. Questo il tweet con cui il ministro Gian Marco Centinaio ha commentato la proposta sul ticket d’ingresso a Venezia. “Vogliamo diventare un paese turistarepellente?”, si chiede il ministro leghista, titolare delle Politiche agricole e del Turismo. La proposta di delibera comunale sul regolamento per l’istituzione e la disciplina del contributo di accesso a Venezia è stata presentata ieri dal sindaco Luigi Brugnaro e già approvata dalla Giunta. La Lega fa parte della maggioranza che sostiene Brugnaro ed è presente anche in giunta.

La misura del Comune prevede un sistema “a bollini” che si basa su valori crescenti per regolare gli ingressi in base al flusso turistico previsto: 6 euro per l’ingresso nella città lagunare nei giorni ordinari, 8 euro in quelli definiti da bollino rosso e 10 in quelli da bollino nero. Fino al 31 dicembre, però, la quota sarà di 3 euro per tutti. Una tassa sul turismo, quella inserita nel maxiemendamento alla legge di bilancio lo scorso dicembre, pensata per garantire un contributo alla città d’arte, visti l’enorme afflusso di visitatori. Dal 2022, inoltre, la prenotazione per accedere alla città sarà resa obbligatoria.

Un provvedimento che non ha raccolto il favore del ministro del Turismo, che sempre su Twitter ha postato il video di Roberto Benigni e Massimo Troisi al momento del passaggio alla dogana nel film Non ci resta che piangere, scrivendo: “Dopo FRITTOLE …. VENEZIA. La tassa d’ingresso a Venezia mi ricorda tanto: non ci resta che piangere…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stadio Roma, Raggi: “Progetto da un miliardo di euro di investimenti. Amministrazione a favore di opere utili”

next
Articolo Successivo

Reddito cittadinanza, Giannino vs Castelli: “In recessione non si espandono piante organiche”. “Questo è un suo punto di vista”

next