“Provvedimento inutile e dannoso”. Questo il tweet con cui il ministro Gian Marco Centinaio ha commentato la proposta sul ticket d’ingresso a Venezia. “Vogliamo diventare un paese turistarepellente?”, si chiede il ministro leghista, titolare delle Politiche agricole e del Turismo. La proposta di delibera comunale sul regolamento per l’istituzione e la disciplina del contributo di accesso a Venezia è stata presentata ieri dal sindaco Luigi Brugnaro e già approvata dalla Giunta. La Lega fa parte della maggioranza che sostiene Brugnaro ed è presente anche in giunta.

La misura del Comune prevede un sistema “a bollini” che si basa su valori crescenti per regolare gli ingressi in base al flusso turistico previsto: 6 euro per l’ingresso nella città lagunare nei giorni ordinari, 8 euro in quelli definiti da bollino rosso e 10 in quelli da bollino nero. Fino al 31 dicembre, però, la quota sarà di 3 euro per tutti. Una tassa sul turismo, quella inserita nel maxiemendamento alla legge di bilancio lo scorso dicembre, pensata per garantire un contributo alla città d’arte, visti l’enorme afflusso di visitatori. Dal 2022, inoltre, la prenotazione per accedere alla città sarà resa obbligatoria.

Un provvedimento che non ha raccolto il favore del ministro del Turismo, che sempre su Twitter ha postato il video di Roberto Benigni e Massimo Troisi al momento del passaggio alla dogana nel film Non ci resta che piangere, scrivendo: “Dopo FRITTOLE …. VENEZIA. La tassa d’ingresso a Venezia mi ricorda tanto: non ci resta che piangere…”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stadio Roma, Raggi: “Progetto da un miliardo di euro di investimenti. Amministrazione a favore di opere utili”

prev
Articolo Successivo

Reddito cittadinanza, Giannino vs Castelli: “In recessione non si espandono piante organiche”. “Questo è un suo punto di vista”

next