Scontro rovente a 24 Mattino (Radio24) tra la sottosegretaria all’Economia, Laura Castelli, e il giornalista Oscar Giannino sul reddito di cittadinanza.
Castelli assicura che la misura sarà permanente e non a tempo determinato. Poi puntualizza: “Il reddito di cittadinanza funzionerà nella ricerca del lavoro, perché mette insieme banche dati che finora non si sono parlate abbastanza. Non è vero che in questo Paese non ci sono posti di lavoro. Ce ne sono pochi perché va spinta l’economia e perché abbiamo fatto anni di politiche economiche recessive e non espansive. Ma entro un anno lo Stato sarà obbligato a offrire almeno un posto di lavoro. Quella che abbiamo fatto nella legge di bilancio è una politica espansiva”. E aggiunge: “Lavoratori e imprese spesso non hanno dialogato nella stessa banca dati. Questo è notorio nel mondo digitale in cui siamo molto indietro rispetto agli altri Paesi europei”.

La giornalista Maria Latella obietta: “Perché allora Confindustria non è per niente convinta? Sul Sole 24 Ore di oggi, a proposito dei vincoli per chi assume, c’è scritto che l’incentivo da 5 a 18 mensilità per chi, appunto, assume un percettore di reddito di cittadinanza prevede condizioni di accesso oltremodo restrittive. Non c’è però una risposta convinta”.
Castelli risponde: “Mi sono chiesta anch’io da dove vengono le perplessità di Confindustria, tant’è che li vedrò abbastanza presto perché voglio approfondire con loro una serie di discussioni. Abbiamo visto ere di imprenditori che mettevano numerosi lavoratori in cassa integrazione, a volte anche a cuor leggero”.
Insorge Giannino: “A cuor leggero? Secondo lei, le imprese mettono in cassa integrazione perché sono cattive? Vede, questo è il pregiudizio ostile che si avverte quando parlate. Secondo lei, l’imprenditore a un certo punto si sveglia la mattina e dice: ‘Sai che c’è? Tu lavoratore mi stai antipatico e ti metto in cassa integrazione’. Ma roba da matti”.
“Forse mi sono spiegata male” – precisa la sottosegretaria M5s – “Io vengo da una città come Torino che ha visto molte persone in cassintegrazione”.
“Si figuri, io sono torinese e sono nato di fronte alla Mirafiori”, replica Giannino.

Il botta e risposta continua e raggiunge il climax quando Giannino osserva: “Lei ha detto testualmente: ‘Lo Stato è obbligato a offrire almeno un posto di lavoro’. Ma quelli riuscivano a intermediare per il 2%. Lei ha anche detto che ha fiducia che tutto funzioni, perché le imprese si beccheranno anche gli incentivi se assumeranno. Tuttavia, le faccio notare che siamo in recessione e questo incentivo viene incassato dalle imprese solo se fanno occupati aggiuntivi, non se un pre-pensionato va via con la quota 100” – continua – “perché, rimpiazzando un pensionato con uno nuovo, la pianta organica resta uguale. E in recessione le imprese non espandono le piante organiche per avere l’incentivo. Quindi, il suo ragionamento è fallato da una banale questione tecnica, non dal fatto che ce l’abbiamo con lei”.
Mi scusi, questo è un suo punto di vista e mi dispiace se si innervosice”, risponde Castelli, scatenando il dissenso del giornalista.
“E’ un punto di vista che in recessione non si espandono le piante organiche?”, chiede Giannino.
Forse non ha letto bene la nostra manovra finanziaria” – ribadisce la sottosegretaria – “E’ una manovra espansiva. Oggi siamo in recessione perché veniamo da anni in cui i governi ci hanno lasciato nella situazione che noi tutti viviamo. Quello che abbiamo messo oggi in legge di bilancio è una manovra espansiva. Lei si innervosisca pure, ma io le dico con molto rispetto e con educazione che questa è una manovra espansiva”.
E sarà pure espansiva, ma sta rispondendo a un’altra domanda” – ironizza Giannino – “Il problema è che, se uno vi chiede una cosa concreta, cambiate risposta”.

A fine intervista, il giornalista, commentando una battuta della collega Maria Latella (“Domani è un altro giorno”), chiosa: “Ormai, per non sentirci dire che nella recessione non si espandono le piante organiche, siamo costretti a sentirci dire che queste sono opinioni personali. E dobbiamo fare appello a grandi film come “Via col vento”’.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Venezia, il ticket d’ingresso non piace al ministro Centinaio: “Inutile e dannoso. La tassa d’ingresso ricorda Frittole”

prev
Articolo Successivo

Caso Diciotti, convocata Giunta per le immunità: Salvini presenterà memoria. M5s: “Ancora nessuna decisione”

next