Su BergamoNews leggo di un ennesimo femminicidio: lui uccide lei e ferisce pure l’ex cognata. Gli argomenti dell’articolo sono sempre gli stessi: si parla di “movente passionale” quando si dovrebbe parlare di violenza di genere. Si cita l’assassino come “il tunisino” invece di chiamarlo per nome e cognome (avete mai letto qualcosa tipo “l’italiano continuava ad accoltellarla, etc”?). Si parla del fatto che lui “non accettava la separazione”, esattamente come in mille altri casi di questo tipo. Dunque dove sta la differenza? Nel fatto che lui si chiama Arjoun Ezzedine e non Fabio Rossi?

Ad aggravare la questione poi ci sono i tanti commenti, scritti da uomini e donne, che sostanzialmente dicono che lei se la sarebbe cercata. Perché? Perché, secondo i detrattori, lei ha tradito la patria e l’ha data a un “tunisino” invece che a un “italiano”. Sempre che lui non fosse “italiano” a prescindere da nome e cognome. Perché è possibile, sapete?

Questo dimostra almeno due questioni che si ripropongono costantemente quando si parla di violenza di genere:
1. ai razzisti non gliene frega niente delle donne, salvo quando possono speculare sulla loro pelle per prendersela con gli immigrati;
2. il tradimento della “razza” viene considerato peggiore rispetto al femminicidio.

In questo caso quello che è importante è il fatto che lei si sia sottratta alla nazionalizzazione del corpo delle donne. Ricordate le volte in cui i razzisti parlano delle “nostre donne”? Poi, ovviamente, parte la ronda contro l’immigrato stupratore. Essi dicono “non toccate le nostre donne”, dove “nostre” è certamente più importante di “donne”. Se quindi hai preferito darla a uno straniero e lui ti ha uccisa è un problema tuo, di te vittima. Non serve dire che il 90% (e forse più) degli stupri e femminicidi nel Paese sono commessi da italiani. Non serve dire che le donne non appartengono a nessuno, che l’apartheid è finito da un pezzo e che i matrimoni misti non sono vietati (anche se i nazisti lo vorrebbero). Quel che conta è il fatto che l’uomo italico difende l’onore dell’italica fanciulla fintanto che ella è fedele alla razza. Diversamente, sono cazzi suoi.

Ieri leggevo di un osservatorio sull’odio che non tiene conto dell’odio di genere. Eppure di odio contro le donne (ma anche contro gay, lesbiche, trans), incluse le vittime di violenze, ne viene diffuso tanto. Spiace che non ci si renda conto di questo. Eccovi alcuni esempi di victim blaming conditi di sessismo e razzismo. Poi non dite che i razzisti tengono alle donne. Non è affatto vero. Tengono solo a certificare l’italianità e la corretta dimensione (senso di inferiorità?) del loro pene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ddl Pillon, a Roma i suoi sostenitori hanno mostrato il loro vero volto: quello della violenza

prev
Articolo Successivo

Daniela Santanchè, dire che i soldi rendono liberi è femminista. Insegnare che fanno comandare no

next