C’era la sindaca Virginia Raggi, c’era il Capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Francesco Basentini. E c’erano sopratutto loro, i detenuti del carcere di Rebibbia. Che per la prima volta a Roma sono stati utilizzati per rifare l’asfalto e ricoprire le buche delle strade della Capitale. L’esperimento è partito in mattinata a Torre Spaccata: muniti di appositi canal-jet e sotto il controllo degli agenti di polizia penitenziaria, 30 detenuti accuratamente selezionati e formati da Autostrade per l’Italia, con tanto di attestato professionale per operare in qualità di asfaltatori e manutentori di strade, si sono ritrovati alle 9 in Via Mario Lizzani, angolo Via di Torre Spaccata. Venticinque gli interventi manutentivi previsti, con i quali saranno pulite le caditoie del tratto di strada in questione, fra Viale dei Romanisti e Via Luigi Ferretti, nel VI Municipio.

Nella fattispecie si tratta del primo di dieci interventi di pubblica utilità che saranno svolti nell’ambito del protocollo d’intesa tra Roma Capitale, Dap e Società Autostrade, firmato il 7 agosto scorso con il nome “Mi riscatto per Roma“, allo scopo di promuovere e favorire i lavori di pubblica utilità previsti dall’art. 20 ter dell’Ordinamento Penitenziario. I successivi lavori saranno realizzati entro metà febbraio e riguarderanno altre strade di Torre Spaccata ed alcune in altri quartieri di Roma: Corviale, Quartaccio e Aurelio. Dopo il successo dell’esperimento romano, il modello è stato replicato dal Dap in altre città metropolitane, con la sottoscrizione di analoghi protocolli d’intesa.

A supportare i detenuti c’è il personale di Autostrade per l’Italia Spa, che li ha formati per tre mesi e ha fornito loro l’equipaggiamento e la strumentazione necessaria per realizzare le attività su strada. “Il lavoro sta andando bene – ha spiegato Virginia Raggi – Il successo di questa attività è importante per i ragazzi che possono uscire dal carcere e fare un’attività che li aiuta a rimettersi un po’ in moto; imparano un mestiere che quando ritorneranno in società li aiuterà a non perdersi di nuovo, inoltre abbiamo un valido supporto alla manutenzione ordinaria della nostra città. A Roma – ha aggiunto la sindaca – solo le caditoie sono 800mila, quindi, oltre agli appalti in corso aiuta avere un supporto come questo”. I prossimi interventi saranno nei municipi XI e XII ma “tutti i Municipi hanno fatto molte richieste quindi a ciclo si andrà da tutte le parti”, ha concluso Raggi.

“Non è solo una sfida ma anche un giusto investimento che bisogna fare per migliorare le loro condizioni di vita e fare quel famoso reinserimento sociale che finora è rimasta una missione un pò incompiuta” ha detto invece Francesco Basentini, capo del Dap, secondo cui “questi detenuti da mandare in strada sono stati profilati e scelti in base a una classificazione degli indici di pericolosità e a un residuo di pena bassi”. “Le squadre stanno lavorando molto bene – ha raccontato Francesco Delzio, direttore relazioni esterne, affari istituzionali di Autostrade per l’Italia Spa – Si tratta di un’iniziativa dall’alto valore simbolico ma anche con una ricaduta positiva per la città. È un piccolo contributo operativo per una città molto grande e critica nei suo problemi – ha concluso – Ma è un segnale che crea cemento sociale e dunque è un’operazione di cui siamo molto orgogliosi“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Ponte Morandi, le ultime immagini dall’alto del viadotto prima della demolizione. Bucci: “A giorni il via ai lavori”

next
Articolo Successivo

Malattie rare, associazioni: “La manovra penalizza chi produce i farmaci orfani”. Grillo: “Nessun regalo a Big Pharma”

next