In Europa ha da poco superato tutte le “prove” burocratiche (omologazione a vendita e circolazione che l’Olanda ancora doveva ancora rilasciare) e ora è pronta a conquistarsi anche il mercato ancora indiscusso di Nissan, Renault, Daimler e Volkswagen. Stiamo parlando di Tesla, l’azienda californiana conosciuta per le sue berline elettriche di lusso, pronta però ad abbassare il tiro e gettarsi anche sul mercato di fascia media, come ha annunciato recentemente per giustificare un secondo e importante taglio al personale.

Nel frattempo, però, mira a tenersi stretto il mercato nordamericano, proponendo un nuovo caricabatterie che non ha bisogno di una wall-box per essere utilizzato, bensì di una semplicissima presa di corrente della tipologia NEMA 14-50 (per intenderci, quella che presenta quattro fessure strette e lunghe); in questo modo, infatti, non sarà più necessario aspettare che l’auto si ricarichi a casa oppure cercare lungo la strada delle stazioni di ricarica pubbliche, ma basterà avere con sé il caricabatterie portatile per fare il pieno ovunque si voglia – presa di corrente NEMA permettendo.

Un prodotto destinato ad avere successo, molto probabilmente, anche in Italia – se e quando verrà commercializzato -, vista la recente notizia di un aumento delle tariffe di ricarica presso i Supercharger, i punti di ricarica pubblici targati Tesla, ai quali fino a febbraio sarà possibile ancora accedere gratuitamente: in generale, il costo per kWh è passato da 0,24 euro a 0,33 euro, ma può variare ancora a seconda del modello Tesla che si deve ricaricare. Inoltre, è previsto un sovrapprezzo anche se si utilizza la stazione dopo 5 minuti dalla fine del servizio di ricarica (0,40 euro al minuto).

Comunque Tesla, in realtà, possiede già una vasta gamma di caricatori, ma tra tutti, questo è finora il più comodo e anche il più performante: infatti permette una ricarica il 25% più rapida rispetto ai caricatori Gen 2 Mobile che vengono forniti insieme a tutte le nuove berline in consegna. È compatibile con la Model X, la Model S e la Model 3 con batterie a lunga durata, assicurando una carica di 40 A (9,6 kW), mentre per la Model 3 versione media e standard, la carica è di 32 A (7,6 kW). Il prezzo di questo caricabatterie portatile a ricarica rapida è di 500 dollari, che per l’Europa diventeranno poco meno di 440 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto elettriche, ora possono “rivendere” energia. Il progetto delle utility europee

next