“La bambina presentava tumefazioni al volto e al cuoio capelluto, ecchimosi e lividi al tronco. Era in shock emotivo. Fortunatamente non ci sono lesioni dell’organi interni”. Intervistato dall’Ansa, Vincenzo Tipo, primario del pronto soccorso dell’ospedale Santobono di Napoli, racconta i soccorsi alla piccola di 7 anni di Cardito, soccorsa assieme al fratellino di 8 dopo una segnalazione di lite in famiglia. Per il piccolo, non c’è stato nulla da fare, mentre la sorella è ora ricoverata.

Il compagno della loro madre è stato fermato dagli investigatori ed è accuso di aver picchiato entrambi con una mazza da scopa. “Sono 30 anni che faccio questa professione, pensavo di aver visto tutto – dice il primario – Non immaginavo di poter vedere quel che ho visto ieri. Scene raccrappiccianti che lasciano l’amaro in bocca. Sono rimasto colpito, come tutti gli altri operatori che hanno soccorso la piccola”. Le ferite sono compatibili con percosse? “Sì, presumibilmente sì. Adesso la bambina guarirà, bisognerà lavorare sotto il profilo psicologico. La bambina è ora seguita da un team di psicologi che si occuperà di questo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, bambino di 7 anni trovato morto in casa. Ferita la sorella di 8. “Colpi di scopa, fermato il compagno della madre”

next
Articolo Successivo

Bimbo ucciso a Cardito, la confessione del patrigno: “Avevano rotto il letto”

next