“Ogni domenica, alle nove e mezza, venivano a prenderci dal campo con un camion. Sceglievano i più debilitati. In italiano, ci dicevano: ‘Vieni, vieni al Pronto soccorso, ché lì ti danno da mangiare i maccheroni. Non vedi come sei diventato magro?’. Non è più tornato indietro nessuno. Li portavano ai forni crematori”. Emo Bianchi ha 96 anni, ne aveva soltanto 20 quando fu firmato l’armistizio di Cassibile. Era il 3 settembre del 1943, e i soldati che non riconobbero la Repubblica di Salò furono accusati di tradimento dai tedeschi e deportati nei campi di concentramento. All’epoca Bianchi era di stanza a Milano, in attesa di essere mandato in Grecia a combattere. Fu caricato su un carro bestiame e portato a Weissensee, in Germania. Quest’anno a Bologna ha ricevuto la medaglia d’onore concessa dal Presidente della Repubblica ai cittadini deportati e internati nei lager e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra. “Un giorno, mentre andavamo a prendere gli avanzi da un’osteria prima di tornare al campo, un mio compagno ebbe la sfortunata idea di fare una carezza a un bimbo tedesco – racconta Bianchi che è riuscito a parlare di quelle tragiche vicende solo dopo settant’anni di silenzio -. Lo uccisero di botte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Editoria, è vero: c’è un problema di cura dei libri. Ma così rischiamo di perderci

next
Articolo Successivo

Giornata della Memoria, Heinz il primo gay a raccontare la storia dei triangoli rosa: “Noi, dannati fra i dannati”

next