Ci sono auto che è quasi superfluo presentare, visto che i loro nomi sono entrati da tempo nell’immaginario collettivo. Una di queste è la Golf “cattiva”, ovvero la GTI: 2,3 milioni di esemplari venduti in 43 anni di carriera, e soprattutto oggetto del desiderio per tante generazioni di smanettoni che l’hanno sempre vista come un benchmark tra le medie compatte sportive. Ora la GTI alza l’asticella, e si reinventa partendo dall’esperienza accumulata dal gruppo Vw nel campionato internazionale TCR (da cui prende il nome), vinto per due volte dalla sua omologa da competizione. Lo schema è sempre lo stesso, dal 1976 ad oggi: due volumi compatta a trazione anteriore, materiali leggeri, un motore brillante quattro cilindri e un assetto pressoché perfetto figlio di un telaio che lo è altrettanto. Il motore è un turbo benzina da due litri che sviluppa una potenza di 290 cavalli (nella versione da corsa sono 350): è abbinato ad un cambio Dsg a sette marce, spinge l’auto da 0 a 100 km/h in 5,6 secondi e fino a una velocità massima di 260 orari senza limitazione elettronica, mentre i consumi combinati sono di 6,7 l/100km nel ciclo NEDC. Le modalità di guida sono quattro (ECO, NORMAL, SPORT e INDIVIDUAL), mentre il bloccaggio del differenziale sull’anteriore garantisce massima trazione e motricità in curva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Honda, ecco la nuova city car elettrica per il salone di Ginevra

prev
Articolo Successivo

Skoda Kamiq, le prime bozze del crossover che debutterà a Ginevra – FOTO

next