“Il problema dei migranti ha tante cause, c’è chi in Africa sottrae ricchezza a quei popoli e a quel continente e la Francia è tra questi”. Il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini si allinea a Luigi Di Maio, che nei giorni scorsi ha aperto una polemica con Parigi le cui politiche neocoloniali sono additate tra la cause delle migrazioni. Intervenendo a Mattino 5 il leader leghista ha aggiunto che in Libia la Francia ha “interessi opposti a quelli italiani” e “non ha alcun interesse a stabilizzare la situazione”. Dunque “ha poco da arrabbiarsi perché ha respinto migliaia di migranti, comprese donne e bambini, alla frontiera. Lezioni di umanità e generosità da Macron non ne prendo”.

I migranti, ha ribadito poi il titolare del Viminale, “si salvano, come ha fatto la guardia costiera libica, e si riportano indietro così la gente smetterà di pagare gli scafisti per un viaggio che non ha futuro. Più persone partono più persone muoiono“.

“L’economia italiana è sana”, ha attaccato poi Salvini commentando il taglio delle previsioni di crescita per l’Italia arrivato ieri dal Fondo monetario internazionale. “Al Fondo monetario non stanno bene, l’economia italiana è sana e gli italiani sono i più grandi risparmiatori al mondo”. “I signori del Fmi non hanno mai azzeccato una previsione. Non vanno di certo al mercato a Roma e Milano”. E lei ci va? “Assolutamente sì altrimenti la spesa dove la vado a fare? Ieri ho mangiato puntarelle con acciughe buonissime ma non ho potuto mettere la foto sui social, altrimenti Saviano e Renzi si indignano. Per Renzi e Saviano il ministro dell’Interno non dovrebbe mangiare e dovrebbe andare in giro nudo, perché non si può mettere giacche e camice”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanità, la Grillo apre al regionalismo differenziato. Ma così sarà il Far West

prev
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, la presentazione con Di Maio, Conte, Grillo e Casaleggio. Rivedi la diretta

next