Il Fondo monetario internazionale taglia allo 0,6%, dall’1% di ottobre, la previsione di crescita per l’Italia nel 2019, mantenendola allo 0,9% per l’anno successivo.  Una revisione della stima al ribasso identica a quella indicata nel bollettino economico di Banca d’Italia0,4 punti sotto le stime del governo già riviste al ribasso a dicembre. Il taglio del Fmi è contenuto nell’aggiornamento del World Economic Outlook presentato a margine del Forum economico mondiale di Davos. Il rapporto inoltre inserisce tra i principali fattori di rischio globali, oltre alla Brexit, anche la situazione finanziaria italiana. “In Europa continua la suspence su Brexit e il costoso intreccio fra rischi sovrani e rischi finanziari in Italia rimane una minaccia”, ha detto il direttore della Ricerca del Fmi, Gita Gopinath, presentando l’outlook a Davos. “Piuttosto è il Fmi che è una minaccia per l’economia mondiale, una storia di ricette economiche coronata da previsioni errate, pochi successi e molti disastri”, ha replicato il vicepremier Matteo Salvini.

L’Italia – nel documento – è individuata con la Germania come uno dei fattori la cui frenata a fine 2018 ha fatto rivedere in peggio le stime di crescita per l’Eurozona e comportato un calo dell’euro del 2% fra ottobre e gennaio. Insieme a quelle italiane infatti, Fmi riduce le attese per tutta l’Eurozona nel 2019, portandole a 1,6% (da 1,9%) e mantenendo il 2020 a 2,7%. Negli Usa invece la previsione di crescita è del 2,5% quest’anno e dell’1,8% il prossimo, perché a fronte di un calo dovuto al venir meno dello stimolo fiscale e ai tassi Fed in rialzo, è sostenuta da “forte domanda interna“. Nell’Eurozona pesano, invece, la frenata del Pil italiano e tedesco (1,3% per il 2019) e quella della Francia (1,5%) fra le proteste dei gilet gialli.

L’economia globale fronteggia “rischi significativamente più alti, alcuni dovuti alle politiche” intraprese dai governi, afferma il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, che ha aggiunto: “Significa che una recessione globale è dietro l’angolo? No“. Lagarde, facendo un’analogia con lo sci di fondo dove “è desiderabile avere visibilità, una leggera discesa, stabilità, pochi rischi e pericoli”, ha notato che oggi sciare è diventato più impegnativo e invita le autorità a “tenersi pronte se i rischi dovessero materializzarsi“.

La situazione italiana, la Brexit, i dazi 
“Gli spread italiani – si legge al primo punto della sezione sui rischi globali del World Economic Outlook – sono scesi dal picco di ottobre-novembre ma restano alti. Un periodo prolungato di rendimenti elevati metterebbe sotto ulteriore pressione le banche italiane, peserebbe sull’attività economica e peggiorerebbe la dinamica del debito”. L’analisi dei rischi prosegue poi con l’ipotesi di una “Brexit senza accordo dal carattere dirompente, con contagio all’estero, e un aumentato euroscetticismo intorno al voto europeo di maggio”. Rischi anche da una frenata peggiore del previsto in Cina, un’escalation commerciale, uno ‘shutdown’ prolungato negli Usa.

“Risolvere con la cooperazione, e velocemente, le dispute commerciali”: è l’imperativo pronunciato infatti dalla capo economista del Fondo monetario internazionale  Gopinath, a margine del Forum economico mondiale, avvertendo dei rischi di una crisi finanziaria e di un’economia globale già indebolita dalla guerra dei dazi. Gopinath si è soffermata anche su Brexit: “Risolvere immediatamente” lo stallo, se non si viole continuare a creare incertezze che pesano sulla crescita. Il Fmi lancia l’allarme sull’eventualità che, alla scadenza di marzo, le autorità britanniche arrivino a una Brexit senza accordo (no-deal): l’impatto sulla crescita di lungo termine “è di 5-8 punti percentuali“, ha avvertito la capo economista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oxfam: “In Italia il 5 per cento più ricco della popolazione ha un patrimonio pari a quello del 90 più povero”

prev
Articolo Successivo

Tav e lavoro, i numeri reali sugli operai nel cantiere italiano: oggi sono una decina. E se partisse l’opera? 470 per 10 anni

next