Il principe Filippo? Non mi ha neppure chiamata“. È lo sfogo di una delle due donne coinvolte giovedì scorso nell’incidente stradale in cui si è ribaltata l’auto del duca di Edimburgo, marito della regina Elisabetta. Emma Fairweather ha 46 anni, è mamma di due bambini e nello schianto ha riportato una frattura al polso. Al Daily Mirror ha raccontato di esser rimasta “sorpresa” dal fatto che il consorte della monarca britannica non l’abbia contattata personalmente: Emma ha ricevuto infatti solo un messaggio vocale da parte di un membro dello staff di Buckingham Palace, che ha provato poi a contattarla telefonicamente per sapere delle sue condizioni di salute dopo l’incidente.

“È stato carino da parte della Regina pensare fosse opportuno chiedere a qualcuno del suo staff di contattarmi e farmi gli auguri di guarigione”, ha raccontato Fairweather, “Ma lei non è stata coinvolta nell’incidente”. Nessuna traccia infatti del principe Filippo, che secondo alcuni media si era detto particolarmente preoccupato della sorte delle conducenti della vettura.

Fairweather era su una Kia con un’altra donna e un neonato di dieci mesi, quando la loro auto si è scontrata con la Land Rover guidata da Filippo, il quale viaggiava senza guardia del corpo. Nonostante l’impatto sia stato violento, il principe è rimasto illeso, ma sotto choc. I soccorritori avevano riferito che il duca di Edinburgo sembrava particolarmente preoccupato della sorte delle donne nell’altra macchina, entrambe ricoverate ma presto dimesse. Il piccolo, invece, non ha riportato ferite.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roberta Bruzzone confessa: “Da bambina ho tentato di annegare i miei fratelli nella vasca da bagno”

next
Articolo Successivo

Colpita in faccia da una pallonata di Cristiano Ronaldo, pubblica il selfie con il cerotto: “Ora invitami a cena”

next