L’ex volto di Non è la Rai Ilaria Galassi è tornata in tv per raccontare per la prima volta la malattia che l’ha colpita quando era solo poco più che ventenne. Ospite di Caterina Balivo a Vieni da Me, la Galassi ha parlato a cuore aperto del male che ha dovuto affrontare: “Ero convinta che il mio futuro fosse in tv invece un aneurisma cerebrale ha cambiato i miei progetti“, ha detto ricordando poi quel 24 dicembre del 2000, quando si sentì male. Aveva appena 24 anni, ma era già famosa in tutta Italia.

La vigilia di Natale sono stata colpita da un forte mal di testa. Accanto a me un’amica che ha subito capito che la situazione non era normale. Subito dopo mi hanno portata in ospedale, qui mi hanno fatto prima una tac e poi un intervento durato dieci ore. Sono andata anche in coma e quando mi sono risvegliata non è stato facile”. Ilaria ha poi raccontato commossa il post operatorio: “Quando mi sono svegliata non ricordavo più nulla, non sapevo più parlare. La parte sinistra del cervello è stata duramente colpita. È stato difficile riprendermi, ci ho messo tre anni”. Tra le persone che le sono state vicine, oltre alla famiglia, Antonella Mosetti: “Lei veniva a casa spesso e mi portava la cioccolata, di cui io vado matta. Mio padre, invece, mi accompagnava tutti i giorni a fare logopedia”.

Oggi sta bene ma non se la sente di parare di “miracolo”: “Non sono credente, non ho neppure battezzato i miei figli. Credo che la mia guarigione sia stata una grande fortuna. Ho due figli diversi, con caratteri diversi. Sono contenta di aver avuto due maschi, mi fanno sentire una principessa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Martina Colombari preoccupata per il figlio: “È un periodo difficilissimo, a volte non ci dormo la notte”

prev
Articolo Successivo

Mara Maionchi ed Enrico Nigiotti firmano i bigliettini dei Baci Perugina. Lei: “Un bacio è la virgola rosa tra le parole: ciao, io esco”

next