Blocco all’aeroporto di Malpensa. Tutte le partenze sono ferme da circa un’ora e gli arrivi vengono dirottati verso gli aeroporti limitrofi. Non un cittadino senegalese che voleva evitare il rimpatrio, ma un egiziano respinto. ha creato il scompiglio in aeroporto.

Una volta atterrato in Lombardia l’uomo, 30 anni, ha buttato i suoi documenti, rendendosi non identificabile. L’uomo è stato imbarcato su un volo diretto a Dakar (Senegal), da dove proveniva, dalla Polizia  dello scalo internazionale varesino. Quando il personale di volo ha tolto la scaletta prima del decollo, ha deciso di approfittare di un attimo di distrazione di una hostess per lanciarsi dal portellone rimasto aperto. Attualmente è introvabile e la polizia lo sta cercando.

Al momento l’Ente nazionale per l’aviazione civile e l’Enav hanno riaperto la pista 35L, ma le autorità continuano a presidiare i raccordi delle piste. Alcuni passeggeri su Twitter dicono di essere in fase di decollo, mentre altri continuano a lamentare i ritardi. Intanto, si legge sul sito ufficiale dello scalo, alcuni voli sono stati annullati come quelli diretti a Colonia e Amburgo, entrambi previsti alle 20,35, e quello in partenza verso Stoccarda delle 21,05.

“Sto seguendo la situazione e sono sicuro, come mi hanno assicurato le Forze dell’Ordine, che l’extracomunitario verrà rintracciato velocemente. Lo prenderemo e lo espelleremo immediatamente” dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Roma, ragazzo di 15 anni muore per una meningite. Profilassi per amici e parenti

next
Articolo Successivo

Rischio idrogeologico in Costiera amalfitana, “Solo interventi per emergenze. Con incendi e abusivismo più insicurezza”

next