Come da copione, dopo sei mesi ininterrotti di colloqui parte ufficialmente da Detroit la nuova alleanza globale tra Ford e Volkswagen. In una conferenza stampa congiunta al salone dell’auto americano, i due costruttori hanno confermato che il loro “matrimonio” parte dai veicoli commerciali, ma potrà estendersi anche a settori commercialmente sensibili in futuro come elettrificazione, connettività, guida autonoma e servizi di mobilità. Settori dove per ora è stato siglato un memorandum of understanding tra le due aziende.

E non è da escludere, aggiungiamo noi, un mutuo scambio anche per quanto riguarda le tecnologie dei “vecchi” motori a combustione, la cui ottimizzazione è assai costosa. Come pure lo sfruttamento reciproco di piattaforme e fabbriche.

“Vw e Ford condivideranno risorse, innovazione, capacità e posizioni complementari sui mercati, e al tempo stesso l’alleanza servirà ad aumentare la competitività“, ha commentato il numero uno Vw Herbert Diess. Gli ha fatto eco il collega di Ford Jim Hackett, aggiungendo che “oltre a creare valore e incontrare le esigenze di clienti e società, l’alleanza darà anche forma a una nuova era della mobilità”.

Non sono previsti, almeno per ora, scambi azionari, mentre la gestione verrà affidata ad un comitato congiunto, guidato appunto dagli amministratori delegati Vw e Ford, rispettivamente Diess e Hackett, e composto da alcuni top manager dei due brand.

Per quanto riguarda il fronte dei commerciali e dei pick up, i due marchi messi insieme hanno venduto 1.2 milioni di veicoli leggeri nel 2018, e possono schierare modelli di successo come la famiglia dei Transit e il Ranger, o il Transporter, il Caddy e l’Amarok. Ma i primi risultati della collaborazione li vedremo nel 2022, quando Ford avrà sviluppato per entrambi i marchi un pick up di medie dimensioni e un veicolo commerciale grande, mentre ad un city van di taglia più contenuta ci penserà Volkswagen. Comunque sia, le eventuali economie di scala cominceranno a pesare positivamente a partire dai conti del 2023.

L’altro grande tema sul tavolo, non è un mistero, è l’elettromobilità. “Per tutti, non solo per i milionari”, ha spiegato Diess. Proprio ieri Volkswagen ha annunciato un investimento da 800 milioni di dollari per uno stabilimento a Chattanoga, in Tennessee, in grado di produrre auto elettriche (anche per Ford a questo punto). Iniziativa che ha ricevuto il plauso di Donald Trump, anche se il presidente Usa potrebbe presto mettere fine ai sussidi statali per l’auto a batteria.

Ed è solo una questione di tempo, infine, perché la collaborazione si allarghi anche al mercato cinese: a ben vedere, uno degli obiettivi principali di questa inedita offensiva tedesco-americana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salone di Detroit, l’Europa si disimpegna in attesa della formula “estiva”

next