“Buongiorno amici cari oggi è una giornata speciale per me. Sono diventata cittadina onoraria di Taranto. Città martoriata e che amo e che difenderò sempre, come difenderò sempre tutte le città che in Italia vengono sfruttate e martoriate dall’inquinamento. È una promessa. Vi abbraccio e vi auguro una splendida giornata”. Queste le parole pubblicate su Facebook dalla Iena Nadia Toffa assieme alla foto che la ritrae assieme all’attestato che le è stato consegnato dal sindaco Rinaldo Melucci in occasione della cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria. (Video di MultiRadio Massafra)

Nadia Toffa (che oggi combatte una dura lotta contro il cancro), da inviata delle Iene si è più volta occupata delle condizioni di vita del rione Tamburi, il più vicino all’acciaieria e il più colpito dall’inquinamento della fabbrica. La giornalista si è spesa in prima persona a sostegno dei malati oncologici facendo da madrina all’iniziativa “Ie jesche pacce pe te” (“io sono pazzo di te”). Queste le motivazioni che hanno spinto l’amministrazione comunale a procedere con l’importante onorificenza

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Valsugana, maxitamponamento tra 50 mezzi per il ghiaccio: 16 feriti. Croce Rossa allestisce tendopoli

prev
Articolo Successivo

Palermo, chiude per ristrutturazione l’Hotel des Palmes di Davide Serra. Restano a casa circa 30 dipendenti

next