A dicembre lo aveva preannunciato, in attesa però di possibili modifiche alla versione iniziale dell’ecotassa inserita in manovra. Ora, dopo che il governo ha cambiato la formulazione della tassa sulle emissioni per escludere le utilitarie e colpire solo suv e auto diesel di cilindrate medio alte e incentivare l’acquisto di elettriche e ibrideFiat Chrysler conferma che sta rivedendo il piano di investimenti per l’Italia da 5 miliardi di euro presentato a fine novembre ai sindacati. Lo ha detto ai giornalisti, durante il salone dell’auto di Detroit, l’amministratore delegato Michael Manley. “Certamente il piano deve essere riesaminato di nuovo. È in corso di revisione in questo momento” e “fino a quando la revisione non è finita non posso commentare ulteriormente”, ha spiegato.

I sindacati chiedono che il piano non venga messo in discussione. La Fiom ha chiesto alle altre organizzazioni l’avvio di un confronto unitario e ha invitato il governo alla convocazione di un tavolo avvertendo che “in assenza di garanzie per i lavoratori, deciderà nelle assemblee le iniziative da dover tenere per scongiurare i rischi sul futuro degli stabilimenti italiani”. Il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, ha spiegato: “Comprendiamo le motivazioni di Fca, ma noi non siamo disposti a mettere in discussione il piano industriale che ci è stato presentato a Mirafiori e che prevede 5 miliardi di investimenti dal 2019 al 2021. Quel che è certo è che faremo tutto il possibile per evitare che ciò accada”.

Il piano presentato a novembre prevedeva il ritorno alla piena occupazione entro il 2021 e rinviava l’uscita dal diesel a una fase successiva. Stando al progetto, a Mirafiori sarebbe stata prodotta la 500 elettrica e a Pomigliano il suv compatto dell’Alfa Romeo, oltre alla Panda, mentre da Melfi, dove attualmente si fanno la 500X e la Jeep Renegade, avrebbero dovuto uscire anche la Jeep Renegade ibrida plug-in e la Jeep Compass. A Cassino sarebbe approdato invece il nuovo suv a marchio Maserati, a Modena le nuove generazioni specialty cars di Maserati e Alfa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Autostrade, Di Maio: “Le toglieremo a Benetton”. Toninelli: “Aspi pagherà la ricostruzione del ponte Morandi”

prev
Articolo Successivo

Mps, entro giugno il governo deve decidere. L’ipotesi terzo polo e la “folle idea” del matrimonio con Unipol Banca

next