E’ andata liscia la prima “prova” del Tesoro sui mercati nel 2019. Sono infatti stati venduti tutti i 7 miliardi di euro di Bot annuali offerti in asta, la prima dell’anno, e il tasso di interesse offerto si è attestato allo 0,285%, in calo di 9 punti base al rispetto al collocamento dello scorso 12 dicembre, quando Roma era al culmine della trattativa con Bruxelles sui saldi della manovra, e di 35 punti base rispetto al collocamento di novembre.

La domanda è stata pari a 10,795 miliardi, ovvero a 1,54 volte l’offerta. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha espresso “grande soddisfazione per il collocamento dei Bot per 7 miliardi di euro” dicendo che “è la dimostrazione della grande fiducia degli investitori nei confronti del sistema Italia. La nostra è un’economia sana alla faccia dei gufi, avanti così”.

Il 14 gennaio scadranno altri Bot a 12 mesi per 7,5 miliardi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olanda, Ue apre indagine per sospetti “vantaggi fiscali illeciti” concessi a Nike

next
Articolo Successivo

Industria, a novembre crolla produzione: -2,6% rispetto al 2017. Pesa settore auto. L’Italia segue il trend negativo europeo

next