E’ andata liscia la prima “prova” del Tesoro sui mercati nel 2019. Sono infatti stati venduti tutti i 7 miliardi di euro di Bot annuali offerti in asta, la prima dell’anno, e il tasso di interesse offerto si è attestato allo 0,285%, in calo di 9 punti base al rispetto al collocamento dello scorso 12 dicembre, quando Roma era al culmine della trattativa con Bruxelles sui saldi della manovra, e di 35 punti base rispetto al collocamento di novembre.

La domanda è stata pari a 10,795 miliardi, ovvero a 1,54 volte l’offerta. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha espresso “grande soddisfazione per il collocamento dei Bot per 7 miliardi di euro” dicendo che “è la dimostrazione della grande fiducia degli investitori nei confronti del sistema Italia. La nostra è un’economia sana alla faccia dei gufi, avanti così”.

Il 14 gennaio scadranno altri Bot a 12 mesi per 7,5 miliardi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Olanda, Ue apre indagine per sospetti “vantaggi fiscali illeciti” concessi a Nike

prev
Articolo Successivo

Industria, a novembre crolla produzione: -2,6% rispetto al 2017. Pesa settore auto. L’Italia segue il trend negativo europeo

next