“Falco sa che quando avrà 14 andrà in collegio in Svizzera a fare il liceo. Poi dopo il diploma verrà a lavorare con me”: parole di Flavio Briatore che sul futuro del figlio non ha dubbi, niente università. Il manager ha raccontato al settimanale Oggi i progetti per Nathan Falco che adesso ha 8 anni: “Se volesse fare l’università? Non ne vedo la ragione: sarò io a formarlo“. Secondo l’imprenditore, quello che uno farà nella vita non sarebbe questione di percorso di studi ma di vocazione o attitudine.

A me non serve un laureato, mi serve uno che porti avanti quello che ho costruito: se mi serve un commercialista o un avvocato lo chiamo e gli pago la parcella”, ha aggiunto Briatore – Falco sa che avrà una responsabilità anche lui. Io lo sto crescendo mostrandogli l’importanza di un buon team. Se lavori bene, vieni pagato molto bene, se non lo fai sei fuori. È meritocrazia e nulla di più“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nicoletta Orsomando compie 90 anni e riunisce tutte le “signorine Buonasera”: la foto da migliaia di visualizzazioni

prev
Articolo Successivo

Paola Nappi, morta a 55 anni la “giornalista guerriera” del Tg Rai della Toscana. Il governatore Rossi: “Dedizione e doti umane”

next