Prendo spunto dall’attacco al ministro della Salute Giulia Grillo dopo che è trapelato un documento interno al M5S che presentava delle indicazioni su componenti del Consiglio Superiore della Sanità destituito a inizio dicembre.

Non entro nel merito, ma mi preme rilevare come credo occorresse invece “annotare” fra i 30 membri destituiti il nome di Napoleone Ferrara in aperto conflitto di interesse fra Stato e aziende farmaceutiche. Altro che politica. Tanto ho fatto e ho scritto, dalle righe di questo mio spazio, sul caso Avastin-Lucentis, ancora aperto, per il quale la sanità italiana ha buttato miliardi di euro per due farmaci a costi differenti e con effetti sovrapponibili. Il signor Ferrara non ha mai dato spiegazioni, in qualità di inventore delle due molecole, a Beatrice Lorenzin che lo ha nominato per merito nel Css. Per la verità non ha mai risposto nemmeno alla Grillo fino al giorno in cui è calato il sipario. Bel consigliere!

Un altro consigliere è stato indicato dal candidato presidente alla Regione Lazio, Nicola Zingaretti, per coprire la poltrona della ricerca e dell’innovazioneWalter Ricciardi, che si è dimesso a dicembre da Presidente dell’Istituto Superiore Sanità, sempre dopo nomina della Lorenzin. Ma anche Walter Ricciardi è stato accusato di conflitto d’interesse con case farmaceutiche (Novartis docet?). Certo lui ha detto che non sapeva, che era a titolo gratuito. Come Pierino sgridato dalla maestra. Bel consigliere!

Ma io continuo a pensare che occorrerebbe, per risanare questo Bel Paese e salvare il Sistema Sanitario Nazionale, avere persone che ci mettano l’anima più che gli appoggi, politici o aziendali. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dl Sicurezza, anche la Basilicata delibera il ricorso alla Consulta. Sardegna e Marche verso l’opposizione al decreto

prev
Articolo Successivo

Grillo propone di mettere online il casellario giudiziario degli eletti: “Macron lo voleva in Francia, ma non l’ha fatto”

next